1334
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

13 set 2010

Gentilissimo Dottor Longobardi le scrivo per un consiglio riguardante mio figlio 14 enne operato 14 mesi fa per tre fistole pilonidali.

L’intervento è stato eseguito correttamente da un noto professionista di Bologna, col metodo di “ferita aperta” con medicazioni quotidiane della stessa fino che, in teoria, questa si doveva chiudere.

Purtroppo dopo tutto questo tempo e dopo veramente uno sfinimento psicologico da parte del ragazzo, la ferita nella parte superiore non si rimargina e rimane aperta di circa un cm, continuando a sanguinare e a trasudare liquido.

Il Professore in questione interpellato per il problema imputa la cosa al fatto che abbia secondo lui, “saltato” qualche medicazione ma penso sia anche normale, data la posizione che costantemente deve assumere il ragazzo, carponi e sedere all’aria!! E chiaramente non sempre è disponibile, soprattutto dopo tutto questo tempo, sta davvero inizando a stancarsi, con tutta la buona volontà del caso…

Lei pensa che la terapia iperbarica,possa essere efficace per questo problema?

Confidando in una sua risposta la ringrazio infinitamente. Monica

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UnoRisposta a “Fistole pilonidali: ulcera post operazione”

  1. Pasquale Longobardi on

    gentile Monica, grazie per l’attenzione e la stima.
    Comprendo il disagio di tuo figlio, tra l’altro ho anch’io un figlio 14enne. A quell’età un’ulcera a livello sacrale è un disastro perchè ti impedisce l’attività sociale.
    La chirurgia è la terapia principale. Sono certo che il Professore abbia fatto un buon lavoro. Per la guarigione è necessario che sia stato rimosso ogni residuo della cisti pilonidale. Non è facile. Purtroppo abbiamo visto ragazzi che sono stati operati anche undici volte, con grave disagio psicologico.
    Abbiamo già trattato le fistole pilonidali, con successo, presso il Centro iperbarico di Ravenna (come attività privata, non rimborsata dal Servizio Sanitario Nazionale).
    Il percorso consiste nel valutare la reale estensione del danno (visita medica, eventuale ecografia dei tessuti molli o risonanza magnetica con contrasto nella fistola). Lavaggio con impacchi di acqua salata (sale dell’Himalaia); medicazione avazanta (tipo Hyalosilver o Katoxyn con argento microcolloidale); terapia a pressione negativa, se necessario (è una pompa che aspira ventiquattro ore al giorno).
    Non c’è stato, finora, necessità di utilizzare la ossigenoterapia iperbarica.
    La guarigione è avvenuta tra tre e sei mesi (dipende dalle condizioni iniziali e da altre variabili).
    Per l’eventuale visita medica contatta la segreteria del Centro (0544-500152, chiarendo che si tratta di una visita come “esterno” per fistola pilonidale). Resto a tua disposizione per ogni ulteriore chiarimento. Pasquale Longobardi

Rispondi

  • (will not be published)