1334
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

13 set 2010

Abbiamo intervistato il Dr. Mario Calò, medico di base di Cesena specializzato in medicina del nuoto e delle attività subacquee. Il Dr. Calò conosce molto bene i vantaggi della terapia in camera iperbarica e vi ricorre molto spesso anche per gli anziani pazienti della Casa Protetta Don Baronio di Cesena, con la quale collabora da diversi anni.

Dott. Calò a Cesena i vantaggi e i campi di applicazione della terapia iperbarica sono conosciuti?

Non molto purtroppo. Forse dipende dal fatto che a Cesena non c’è una camera iperbarica e neppure il Centro Cura Ferite Difficile ma di fatto molti medici non prescrivono la terapia iperbarica anche quando sarebbe strettamente consigliata. Per questo con la collaborazione del dr. Pasquale Longobardi abbiamo promosso delle iniziative per informare e sensibilizzare i colleghi. A giugno abbiamo organizzato un’incontro a cui hanno partecipato circa 40 medici. A tutti abbiamo fornito, dati, spiegazioni, statistiche e  un documento in cui sono elencate le 18 indicazioni per le quali è utile – o indispensabile -  prescrivere la camera iperbarica con le relative spiegazioni. E’ chiaro che tutti sanno che per  l’intossicazione da monossido di carbonio bisogna ricorrere alla camera iperbarica ma pochi sanno che sarebbe utile anche per la sordità improvvisa o che la lesione da radionecrosi guarisce completamente con 2 o 3 cicli da 20 sedute. Insomma i medici hanno ascoltato e apprezzato.

E nel frattempo è cambiato qualcosa?

Assolutamente si! Sa deve sapere che Pasquale Longobardi è molto bravo a spiegare così le informazioni fornite hanno permesso ai medici di capire con molta facilità come procedere. Ad esempio Pasquale ci ha fornito come standard di riferimento la scheda con la quale vengono valutate le ferite del Centro Cura Ferite Difficili oltre ad averci spiegato modi e tempi di guarigione. E i dati statistici che ci ha presentato sono stati molto convincenti: abbiamo scoperto che a Ravenna le amputazioni sono state abbattute del 50% e invece a Cesena i dati sono a dir poco allarmanti!

Ha idea di quanti pazienti di Cesena vengono mandati al Centro Iperbarico di Ravenna?

Non saprei dire ma sicuramente sono in aumento. Certo la procedura per l’invio del paziente non è delle più semplici. Bisogna prima verificare con la Ausl che la patologia sia trattabile con la terapia iperbarica e poi fare richiesta al medico specialista ospedaliero che ha il compito di autorizzare l’invio del paziente senza però conoscerne direttamente il caso. Questo è decisamente un po’ critico e c’è da migliorare. Del resto abbiamo un centro di eccellenza in Italia e abbiamo la fortuna di averlo a soli 30 km: sarebbe un peccato non usufruirne al meglio

Dr. Calò mi racconta la storia di un paziente al quale ha prescritto al camera iperbarica?

Volentieri. Un giorno sostituivo un collega nel suo ambulatorio. Venne un paziente affetto da diabete per fare delle ricette. Aveva una dolorosa ferita al piede e per questo era triste e depresso, convinto che la sua ferita non sarebbe mai guarita. Gli parlai della possibilità di curare  la ferita con la terapia in camera iperbarica e lui mi stette ad ascoltare. Rividi poi questo signore per caso da un’altra parte, mi venne incontro e mi disse: “Sa dottore, lei quel giorno mi ha salvato la gamba”. Beh queste cose te le ricordi per tutta la vita.

Grazie Dr. Calò allora ci vediamo presto a Cesena per l’Ulcer day!

Certamente e mi saluti tanto Pasquale.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Rispondi

  • (will not be published)