1334
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

21 set 2010

Congresso AIUCL’ulcera al centro del Mediterraneo“- Catania 15-18 settembre 2010: appunti e annotazioni del dr. Pasquale Longobardi.

Documento di posizionamento dell’Associazione Italiana Ulcere Cutanee (AIUC) su “Terapia farmacologica e chirurgica dell’ulcera venosa”
Sommario dei capitoli dell’importante documento:

  1. Ipertensione venosa e microcircolo. Punti chiave: reflusso, stasi e ipertensione, danno endoteliale
  2. Modelli emodinamici del reflusso venoso. Punti chiave:  il danno è a carico delle vene superficiali, perforanti e delle vene profonde. La causa più frequente è il reflusso nelle vene superficiali. La diagnosi si basa sulla clinica e sull’ecocolordoppler
  3. Il ruolo del sistema linfatico. Nell’ulcera venosa è frequente il danno al microcircolo linfatico
  4. I farmaci “vasoattivi”. I farmaci hanno un ruolo complementare, la loro efficacia è controversa. Il principale bersaglio terapeutico è l’interazione tra leucociti attivati e l’endotelio. Nota dr. Longobardi: questo è anche il bersaglio del monossido di azoto (NO) significativamente incrementato dall’ossigenoterapia iperbarica
  5. Antimicrobici e antibiotici: il vecchio e il nuovo. La terapia con antibiotici applicati direttamente sulla lesione (via topica) è ancora molto usata anche se mancano evidenze cliniche. La terapia antibiotica è da somministrare solo quando effettivamente necessario
  6. Il trattamento del reflusso venoso superficiale e la deconnessione delle perforanti incontinenti
  7. La chirurgia del circolo venoso profondo. Si tratta di una chirurgia di nicchia, da applicare solo dopo studio accurato e attenta selezione del paziente
  8. La chirurgia rigenerativa e ricostruttiva. Punti chiave: prima della chirurgia è essenziale un corretto approccio di Wound Bed Preparation (WBP); innesto adeguato; importanza del follow up; tipi di innesto: cute autologa, cute omologa fresca, sostituti dermici. I tessuti bioingegnerizzati hanno dimostrato una buona capacità di promozione del processo ripartivo.
  9. Le ulcere miste: diagnosi e strategia terapeutica. Punti chiave: incidenza 20%, diagnosi basata su clinica e ecocolordoppler
  10. Ulcera venosa, dolore e qualità. Punti chiave: l’ulcera venosa provoca dolore che ha un grave impatto sulla qualità della vita, sulla durata e l’estensione dell’ulcera. La Visual Analogic Scale (VAS) è lo strumento più utilizzato per valutare la intensità del dolore.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Rispondi

  • (will not be published)