1327
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

17 ott 2010

Salve dott. Longobardi mi chiamo Simone Gargiulo, ho 22 anni e faccio immersioni ricreative da soli 3 anni. Volevo porle un dilemma che mi assilla già grave: da un po’;  da quando ho cominciato a fare formazione per le immersioni profonde 40m. fino ad adesso, ed è già passato più di un anno, da subito ho notato che quando comincio a toccare i 32 – 33 metri la mia mente comincia a perdere lucidità, nel senso che tutto quello che faccio, tipo guardare gli strumenti, guardarmi in giro, cose così…, si rallentano, le mie azioni non sono sciolte, come invece fino a 30m. Non ho problemi e questo fenomeno, 99 su 100, non sparisce da quando mi viene fino a fine immersione. Solo due o tre volte è diminuito durante le immersioni.

Invece c’è stato una volta solo che questo fenomeno mi è capitato dal momento che stavo scendendo sul fondo (ma quel giorno avevo già i miei problemi e in più il mare era pure brutto) non so centri qualcosa.

Spero di poter ricevere una sua risposta su questo dilemma, perchè chiedendo a parecchie persone (istruttori e amici) mi continuano a dire che può essere lo stress o un po’ di narcosi…

Mi potrebbe delucidare….

Grazie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UnoRisposta a “Sintomi durante le immersioni”

  1. Pasquale Longobardi on

    caro Simone, grazie per l’attenzione e la stima.
    Effettivamente la tua storia sembrerebbe coerente con la definizione, dei tuoi amici, di narcosi da gas inerte.
    Mi convince poco il fatto che accada praticamente in ogni immersione più profonda di 32 metri.
    La narcosi dipende da molti fattori interni (disidratazione, stress, affaticamento) ed esterni (corrente, buio, miscela respirata). Pare strano che questi fattori, qualunque siano, si verifichino ad ogni immersione.
    Fatti prescivere un elettroencefalogramma con privazione del sonno (si esegue presso un ambulatorio di neurofisiologia nei reparti ospedalieri di Neurologia)e una radiografia del collo funzionale (cioè con massima flessione ed estensione del collo). E’ necessario porre una diagnosi differenziale con alcuni disordini (alcuni banali, quali la rettileinizzazione della colonna vertebrale cervicale che potrebbe comportare la compressione dei vasi del collo, con manifestazione più importante in profondità quando guardi verso l’alto).
    Fai gli esami, poi inviameli all’email [email protected] (con la stampa di quanto pubblicato qui) o chiama la segreteria del Centro iperbarico Ravenna (0544-500152) per appuntamento con me. Sono certo che capiremo il problema e farai immersioni serene. Ciao, Pasquale

Rispondi

  • (will not be published)