1334
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

03 dic 2010

Vogliamo raccontarvi la storia di Mattia, 5 anni, che quest’estate si è tagliato un dito del piede con dei forbicioni da campo.
“Non si può fare niente, mi dispiace” ha detto un medico a Modena, “Bisogna amputare il dito, non c’è soluzione”, ha detto un altro a Roma.
Ma la mamma non accetta queste risposte e gira (nel vero senso della parola) per mezza Italia finchè non si imbatte nel primario di Ortopedia dell’ospedale di Ravenna il quale consiglia di rivolgersi subito al Centro Iperbarico di Ravenna.

Difficile raccontare senza emozionarsi quello che è successo da quando Mattia ha varcato la porta del Centro.
Da subito – dice – la mamma – ci hanno dato speranza, non hanno mai parlato di amputazione, ma di voler tentare ad ogni costo di salvare quel ditino che alcuni avevano addirittura definito “non indispendabile”.
Certamente far entrare un bambino così piccolo in camera iperbarica non è facile; Mattia la prima volta è stato dentro soltanto una ventina di minuti, ma in così poco tempo si vedevano già i primi risultati: il dito cominciava a prendere colore e perdere quel violaceo che tanto spaventava.
Da quel 2 settembre della prima seduta Mattia ne ha fatte circa 25/30, riuscendo a stare in camera iperbarica fino a un’ora e 45 minuti (difficile anche per un adulto!)
Volete sapere come è finita? Mattia ha ancora il suo bel ditino, certamente non lo muoverà e quest’inverno avrà bisogno di scarpe un po’ più “comode” ma il dito c’è eccome e vedere la gioia di questo bambino nel dire “Mi hanno salvato il dito!” non ha veramente prezzo e ripaga di qualsiasi sforzo o giornata negativa.
Quello che speriamo è che questa storia, come tante altre, possa essere d’aiuto a chi, bambini e adulti, si trovi in situazioni spiacevoli simili a queste e che faccia ricredere chi conosce la terapia iperbarica ma non riconosce appieno i suoi benefici.

La mamma vuole ringraziare tutti, dai tecnici, ai medici, agli infermieri, al Direttore Sanitario, fino agli altri pazienti in camera iperbarica con Mattia, che lo hanno fatto sentire a casa. E continua i ringraziamenti in modo speciale per Patrizia, tutt’ora disponibile a incontrare Mattia in ogni momento e senza preavviso in caso di bisogno. “Abbiamo incontrato degli angeli!” dice la mamma.
E noi ringraziamo loro, perchè vedere un bambino che entra al Centro Iperbarico con gli occhi che brillano è già una grande emozione, ma sapere  che il motivo della sua gioia è quello che abbiamo fatto per lui è davvero il massimo! :-)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

2 Risposte a “Mamma, mi hanno salvato il dito!”

  1. Pasquale Longobardi on

    grazie a te, Rosario, per l’attenzione. Sono estremamente felice per Mattia e orgoglioso per lo staff del Centro iperbarico Ravenna (ormai siamo circa cinquanta collaboratori). Un abbraccio, Pasquale

Rispondi

  • (will not be published)