1327
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

02 feb 2011

Buon giorno Dott. Longobardi, sono Massimo Farsura, ho 54 anni e sono istruttore subacqueo NASE. Mi è stato consigliato di rivolgermi a Lei per la sua grande esperienza e nota professionalità.

Un mese fa ho avuto un infarto miocardico acuto anterosettale e mi sono stai inseriti 4 stent, di questi uno su un ramo secondario si è già richiuso.

ECG all’ingresso: ritmo sinusale, necrosi lesione subepicardica anteriore. Alla dimissione: necrosi ischemica subepicardica anteriore.

Ecocardiogramma: alle dimissioni esiti di necrosi settale ed apicale, FE 45%

Adesso sono in riabilitazione e mi sento in lenta ripresa. Quello che mi preme sapere è se veramente in futuro la subacquea mi sarà preclusa o se al contrario ho qualche possibilità di riprendere a immergermi.

Devo veramente appendere la mia vecchia muta al chiodo?

La ringrazio cordialmente per il suo interessamento.

Massimo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UnoRisposta a “Infarto al cuore: potrò immergermi o appendo le pinne al chiodo?”

  1. Pasquale Longobardi on

    caro Massimo, grazie per l’attenzione. Ti rassicuro subito: per adesso conserva l’attrezzatura subacquea e mantieni i contatti nel settore. Faremo in modo che tu possa tornare a immergerti con sicurezza.
    Devi avere pazienza perchè, al momento, il tuo cuore lavora con scarsa efficienza (frazione di eiezione ventricolare 45% mentre mi piacerebbe che fosse superiore almeno al 50%)

    Continua la riabilitazione cardiologica e quando saranno trascorsi più di tre mesi dall’incidente, poi ci risentiremo per la valutazione.

    In accordo con le raccomandazione dell’European Diving Tecnology Committee (EDTC) sarà necessario escludere insufficienza del cuore, angina pectoris, aritmia, anomalie al test da sforzo.
    Quindi dovrai eseguire (al massimo entro 30 giorni prima della data della visita medica) un ecostress (di solito lo stress è provocato famacologicamente con infusione endovenosa di ecodobutamina o ecodipiridamolo). L’esame dovrà includere un elettrocardiogramma da sforzo con valutazione del Metabolic Equivalent of Tasks (METS) e l’ecocardiografia.

    Se l’esame evidenziasse solo l’esito del pregresso infarto senza ulteriore deficit ischemico, contatta la segreteria del Centro iperbarico Ravenna (tel. 0544-500152) per la visita di idoneità.

    In bocca al lupo. Ti aspetto. Pasquale

Rispondi

  • (will not be published)