1327
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

04 feb 2011

Il 29 gennaio 2011 nella sede dell’Auditorium della Banca Popolare di Novara si è tenuto il convegno“L’ossigenoterapia iperbarica ambulatoriale e in emergenza. Che cosa c’è di nuovo?” (Leggi il programma dell’evento). L’evento è stato molto rilevante per gli argomenti trattati, per l’autorevolezza dei relatori (Luciano Ditri, Marco Brauzzi, Giuliano Vezzani, Monica Rocco, Pasquale Longobardi), per la presenza delle Istituzioni (Regione Piemonte, ASL, Università) e per gli oltre 300 partecipanti.

Gli appunti del Dr.Longobardi sul convegno di Novara sono disponibili qui.

Il Dr. Longobardi ha fatto un’intervento su “La Terapia iperbarica nelle ulcere difficili”. Ecco le slide della presentazione e una sintesi del suo intervento.

L’ossigenoterapia iperbarica, in un approccio interdisciplinare, permette di evitare o ridurre il livello di amputazione degli arti inferiori.
Un paziente affetto da piede diabetico, con diverse complicazioni (dialisi, insufficienza cardiaca), potrebbe evitare l’amputazione? Se ci sono i parametri giusti l’amputazione può essere evitata nel 94% dei casi. I parametri prognostici sono: ossimetria transcutanea al dorso piede superiore a 20 mmHg durante la respirazione in aria ambiente e a 200 mmHg durante respirazione di ossigeno puro a 2,5 bar. Laserdoppler flussimetria: Toe Brachial Index (TBI – rapporto pressione arteriosa tra primo dito del piede e braccio) superiore a 0,2; risposta positiva al test termico, al riflesso di varazione posturale (VAR), al test di iperemia post-occlusiva. In mancanza della laser doppler flussimetria, si può far riferimento alla doppler velocimetria. La terapia iperbarica sarebbe indicata quando l’Ankle Brachial Index sia superiore a 0,4 ma questo dato è spesso non affidabile perché nel diabetico c’è flusso ipercinetico nelle gambe e il vero problema è nella circolazione del piede (per questo è preferibile il Toe Brachial Index).
Il percoso terapeutico prevede:
- stabilizzazione del diabete
- ampia pulizia chirurgica
- rivascolarizzazione (nel piede diabetico arteriopatico)
-  scarico dell’appoggio (nel piede diabetico neuropatico)
- antibioticoterapia
terapia iperbarica.
La terapia iperbarica è utile prima della pulizia chirurgica (due sessioni al giorno per un paio di giorni) per inibire l’attivazione dei leucociti e prevenire la necrosi vascolare come reazione alla pulizia. E’ utile dopo la rivascolarizzazione (una o due sedute al giorno per quindici – venti sessioni) per:
- curare l’eventuale ischemia residua delle dita del piede per il riempimento di eventuale perdita di sostanza;
- per prevenire la restenosi vascolare dopo angioplastica;
- per facilitare l’attecchimento degli innesti cutanei;
- per ridurre il livello di amputazione nel piede diabetico arteriopatico, quando sia impossibile la rivascolarizzazione.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UnoRisposta a “Intervento del dr. Longobardi a Novara: terapia iperbarica nelle ulcere difficili”

Rispondi

  • (will not be published)