851
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

26 feb 2011

Sono una paziente del Centro iperbarico per una necrosi asettica della testa del femore stadio I. Sto effettuando la 25ma seduta e me ne rimangono solo altre 5.

Parlando con altre persone con il mio stesso problema o anche piu’ grave, mi sembra di capire che tutte hanno avuto un miglioramento del dolore. Io invece sento piu’ dolore di quando ho iniziato, soprattutto nella zona dell’ inguine e posteriore. Il dolore è iniziato circa a metà terapia.

Mi chiedo come mai ? E’ questione di tempo? Come terapia sto facendo la magneto e la cyclette in alternativa al nuoto. Sto sbagliando qualcosa? Riesce a darmi una spiegazione? Grazie mille,  Monica Martini

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Una risposta a “Necrosi asettica della testa del femore: da cosa dipende il dolore?”

  1. Pasquale Longobardi on

    cara Monica, ti ringrazio dell’attenzione. Hai la mia stessa età (quindi sei giovane) ed è importante recuperare la piena funzionalità dell’anca senza intervento chirurgico.
    Il dolore dipende dalla presenza di liquido (edema) che comprime la membrana che riveste l’osso (periostio). Ci sono pazienti che hanno un sacco di liquido al centro della testa del femore e non sentono dolore perché il periostio non è teso e ci sono pazienti che hanno una piccola falda di acqua proprio sotto il periostio e hanno un dolore terribile.
    Non c’è correlazione tra dolore e processo di guarigione. Il dolore dipende solo dalla irritazione delle terminazioni nervose, non dal “buco” nell’osso di per sé.
    Ho visto che è stata la mitica dr.sa Cinzia Lotta a suggerirti la terapia iperbarica. Contattala per chiederle se la magnetoerapia che utilizzi è corretta e se sia daccordo che tu pratichi la riabilitazione in acqua. In caso di parere favorevole ti consiglio vivamente di contattare il dr. Francesco Fontana (cheidi il n. telefono in segreteria del Centro iperbarico Ravenna) perché applica una tecnica particolare di nuoto contro corrente che rafforza i muscoli dell’anca. Chiedi, a mio nome, al dr. Fontana di eseguire una teletermografia computerizzata dell’anca: permette di valutare quanto calore (infiammazione) ci sia e le terapie fisiche del caso.
    Solo per completezza di informazione, se il dolore persistesse sarebbe utile una consulenza del dr. Peter Davidovich (radiologo di Modena, chiedi il numero di telefono in segreteria), mago della Risonanza magnetica, per escludere altre patologie come un osteoma osteoide o per eventuale infiltrazione di antinfiammatori o acido ialuronico guidata dall’ecografia o dalla Risonanza.
    Fammi sapere, un caro saluto. Pasquale

Rispondi

  • (will not be published)