1327
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

26 feb 2011

Gen.mo dottor Longobardi,

Le scrivo perche’ non so piu come curare mio padre per un ulcera al piede che sembrerebbe essere atrofica e non da decubito. Mio padre è allettato da tre anni in seguito a un brutto linfoma di Hodking. In passato è stato diabetico ma ora non lo è più. Questa piaga si sta mangiando il tallone e non posso guardarlo in questo modo, davvero devo fare qualcosa. Mi aiuti la prego.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UnoRisposta a “Ulcera da pressione si sta mangiando il tallone: cosa faccio?”

  1. Pasquale Longobardi on

    cara Antonella, ti ringrazio per l’attenzione. Mi dispiace vivamente per tuo padre, il disagio è grave.
    Per consigli pratici su come medicare e gestire la ferita, per piacere, invia una fotografia all’infermiera Patrizia Baroni ([email protected]) che è molto competente in merito (è la caposala del Centro Cura Ferite Difficili della Ausl Ravenna ed è nel Consiglio Direttivo nazionale dell’Associazione Italiana Ulcere Cutanee).
    Per quanto riguarda me, come medico esperto in riparazione tessutale, è importante valutare le condizioni generali del papà. Qualora fosse debilitato (disidratato, anemico, con poco ferro e scarse proteine nel sangue) sarebbe difficile ottenere un miglioramento con qualsiasi medicazione: le ferite hanno difficoltà a guarire se l’emoglobina fosse inferiore a 9 g/dl, le proteine totali inferiori a 5 g/dl e altro.
    Per piacere, fai prescrivere dal medico di medicina generale (medico di famiglia) questi esami e inviameli all’email [email protected] (per conoscenza anche all’email [email protected]). Sarò in grado di valutare le condizioni generali di tuo padre e consigliarti con maggiore sicurezza. Altrimenti, contatta la segreteria del Centro Cura Ferite Difficili della Ausl Ravenna (tel. 0544-500152) per fissare una valutazione. Ciao, Pasquale

    esami da eseguire:
    • esame culturale con antibiogramma e valutazione della minima concentrazione inibente (MIC).
    • emocromo con formula e piastrine, aptoglobina, protidemia totale, sideremia, ferritina, transferrina, creatininemia, GPT, GOT, emoglobina glicosilata, glicemia, esame delle urine, microalbuminuria, colesterolo totale, colesterolo HDL, trigliceridi, uricemia, VES, PCR, fibrinogeno, PT, PTT, INR

Rispondi

  • (will not be published)