1334
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

04 apr 2011

Buongiorno, ho appena ritirato l’esito della terza Risonanza Magnetica (questa volta con gadolino) e si sospetta una spondilodiscite. Dal 25 nov. 2010 ho iniziato ad avere dolori alla schiena (L4 L5) e la seconda RM del 18 marzo us aveva evidenziato la probabile causa del problema.

Premetto che la febbre l’ho avuta solo per una settimana a dicembre e nemmeno il mio dottore gli ha dato importanza.

Prima di intravederne la causa mi hanno prescritto: cortisone per bocca (2 cicli di 10 giorni), tecar terapia e horizontal terapia, massoterapia. Ora il medico della clinica Igea di Milano che mi sta’ seguendo, mi ricoverera’ per stabilire la cura di antibiotici da prendere. Per ora mi ha consigliato il Levoxacin 250 mg 2 volte al giorno.

Sono disperato per le conseguenze che ho letto in internet…. fratture vertebrali eccetera. Un disco appare assottigliato e la zona ossea circostante e’ interessata da pus. Ieri stavo benissimo e pensavo che l’antibiotico mi stesse guarendo…. ho preso la moto e sono andato al mare. Stanotte e’ stato un inferno dal dolore e stamattina dopo aver ritirato gli esiti della RM mi e’ crollato il mondo addosso.

La prego di dirmi cosa rischio e se gli 8 giorni di ospedale prospettati, saranno l’inizio di una lunga degenza dall’esito finale sconosciuto. Mi scusi ma sono molto triste, ho perso mio padre e il lavoro l’anno scorso e ora questa sorpresa….

ps lavoravo presso un azienda sanitaria (assistenza tecnica) e temo di essermi infettato con qualche strumento non sanificato. Il periodo di incubazione (15 mesi) potrebbe’ essere compatibile? grazie infinite, Ludovico

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

13 Risposte a “spondilodiscite: quale sarà il mio destino?”

  1. Pasquale Longobardi on

    Caro Ludovico, ti ringrazio per l’attenzione. Comprendo la tua preoccupazione: il tuo lavoro in ambito sanitario aumenta le conoscenze in merito ai possibili “guai” della spondilodiscite.

    Per adesso tu hai la diagnosi di “sospetta” spondilodiscite, tra l’altro in fase iniziale (quindi facilmente curabile).

    Attendi, con fiducia, l’esito del ricovero. La terapia antibiotica in atto (Levoxacin) è insufficiente ma, a breve, verrà corretta.

    Ci sentiremo dopo la dimissione: potrebbe essere appropriato un ciclo di ossigenoterapia iperbarica insieme alla terapia fisica e riabilitativa.

    L’origine dell’infezione potrebbe anche essere un contagio tramite il materiale sanitario che riparavi. Se questo venisse accertato, la terapia sarebbe la stessa. Potrebbe essere utile per aspetti legali (credo che però sarebbe stata necessaria una denuncia nel momento del probabile contagio).

    Siccome oltre all’attacco da parte dei germi, è importante la forza del sistema difensivo sono certo che le vicissitudini dell’ultimo anno ti abbiano messo KO (a terra). Cerca di rimetterti in forma e di visualizzare la guarigione: faciliterai il lavoro delle tue difese nell’eliminazione dell’infezione.

    In bocca al lupo, ti sono vicino.

    Pasquale

  2. Pietro on

    Ciao Ludovico, io ho avuto la spondilodiscite 6 anni fa e mi preme dirti che …sto molto bene :-)! Mi hanno preso in cura presso l’ospedale Maggiore di TS reparto infezioni dott.ssa Giacomazzi. Poi ho iniziato una riabilitazione che mi ha portato a risultati incredibili, per cui la demoralizzazione se ne andrà presto :-).
    Senti anche loro: con me hanno fatto una procedura che prevedeva l’acquisto di antibiotici fuori dall’Italia con costi altissimi, ma a carico del sistema sanitario nazionale.
    Auguri :-)
    Pietro

  3. Pasquale Longobardi on

    caro Pietro, grazie per l’attenzione e per aver condiviso il successo del tuo percorso. E’ di estrema importanza per aiutare chi si trova nel “fosso” e non vede possibilità di uscita. Hai compreso l’obiettivo del blog del Centro iperbarico Ravenna. E’ un piacere saperti connesso. Un caro saluto, Pasquale

  4. elsa on

    Caro Ludovico, ho la spondilodiscite alle ossa vertebrale 10D e 11D. Ho finito la terapia qualche giorni fa: i medici dicono che sono stata affetta da tubercolosi (TBC) ossea. Sono stata ricoverata per un mese e una settimana, seguita dal Dott. Cazadori reparto malattie infettive Ospedale Borgo Roma di Verona.
    Verso luglio 2010 il dolore alla schiena e al torace si faceva sempre più acuto. Verso settembre e ottobre 2010 avevo i brividi e la febbre tutti i giorni dalle ore 18.00 in poi. Quando respiravo avevo dolore forte, e sentivo come delle bolle d’aria. 12 mesi di antibiotico (prima prendevo rifadin poi rifinah) e vitamina B6. Ho fatto la biopsia ossea: la parte destra lungo la colonna vertebrale era tutto pus. Ha avuto anche un versamento pleurico che mi impediva di respirare: il dott mi ha svuotato 600 cl. Ero calata di 12Kg.
    Dopo un anno rientrerò finalmente al lavoro 01/12/2011. Non ho avuto il bisogno di riabilitazione e faccio tutto quello che facevo prima.
    L’importante è accertare ciò che ti viene per poter trovare la soluzione.
    Caro Ludovico in breve, comunque vada il sole sorge per tutti, ti assicuro che ti andrà bene e guarirai fino al punto di poter fare la vita che hai sempre fatto.
    Baci e ti auguro tutto il bene. Elsa

  5. fabrizio on

    Chiedo a chi e’ “guarito” o per lo meno sta bene…..senza avere quel dolore continuo alla schiena (spondilodiscite) che non mi permette di vivere una vita normale……devo prendere una marea di antidolorifici potenti come il Fentalin…contramal ecc..ecc….chiedo se c’è un centro altamente qualificato per curare questa maledetta malattia………….ho solo 39 anni e credo di poter dare ancora molto………ringrazio chiunque mi risponda.

  6. Luciana Gargaro on

    Carissimi tutti, ho letto i vostri commenti e non posso fare a meno di esporre la mia situazione sperando che qualcuno di voi mi risponda visto che questi post risalgono al 2011.
    Anche io sono 6 mesi che improvvisamente (a seguito di un intervento chirurgico all’addome!!!!) ho iniziato con fortissimi dolori alla schiena (L5-S1). Subito mi hanno diagnosticato spondilodiscite e ho fatto un mese di ospedale e iniziato terapie antibiotiche con BACTRIM e LEVOXACIN (che non ho tollerato) e subito dopo con il MONOCIN. Tutt’ora li sto prendendo. Le analisi vanno bene ma la risonanza indica ancora che l’infezione c’è!!! Devo portare il busto tutto il giorno ed è massacrante…..non ce la faccio più! Sono poi sei mesi che non lavoro!
    Mi chiedo…..passerà?? Nel leggere sopra ho visto che alcuni sono proprio guariti e altri ancora no.
    A PIETRO che è stato in cura dalla Dott.ssa GIACOMAZZI chiedo più informazioni in merito agli antibiotici che hai preso. Ho sentito dire che addirittura c’è un medico israeliano che usa questi antibiotici costosissimi.
    Attendo con ansia una vs risposta! Grazie
    Luciana

  7. maria carla lamerata on

    Salve, mi chiamo Maria Carla, l’anno scorso dopo una lunga degenza nell’ospedale di san Giovanni rotondo mi hanno riscontrato questa infezione alla colonna.
    Dopo aver fatto una cura antibiotica (tavanic+rifadin) prescritta dall’infettivologo e dopo aver portato il corsetto Camp c35 x 2 mesi, mi ritrovo al punto di partenza! Chiedo il vostro aiuto dottor Longobardi, non c’è la faccio più. Aspetto vosre indicazioni. Con stima, Maria Carla

  8. Redazione on

    Buongiorno Maria Carla,
    grazie per la stima e per averci scritto.

    Per ricevere una risposta dal dottor Longobardi e dallo staff del Centro iperbarico la invitiamo a scrivere la sua domanda nella sezione “Invia la tua richiesta” che trova a questo link: http://www.iperbaricoravennablog.it/risponde-il-dr-pasquale-longobardi-e-lo-staff-del-centro-iperbarico-di-ravenna/.

    Le richieste che ci arrivano sono decine ogni giorno pertanto le chiediamo di avere un po’ di pazienza, i nostri medici si impegneranno a darle una risposta il prima possibile.
    Se invece ha molta urgenza la invitiamo a contattare la Segreteria del Centro Iperbarico allo 0544 500152.

    Un caro saluto,
    Martina,
    Redazione blog

  9. Giuliano Petrella on

    Ciao Ludovico, mi chiamo Giuliano… ho avuto una spondilodiscite batterica da staffilococco l’anno scorso. Sono stato ricoverato 10 gg presso il CTO di Roma, senza che capissero cosa avessi.
    Dopo le dimissioni ed in preda a dolori terribili mi sono affidato all’ospedale ortopedico ICOT di Latina, nelle mani del GRANDE dr. BOTTIGLIA, il quale mi ha fatto una diagnosi in tempi brevi. Abbiamo approntato la terapia antibiotica mista, MIOCIN, RIFADIN E LEVOXACINA.
    Ora sto molto bene, anzi forse meglio di prima, ma i ricordi di quel periodo ancora mi fanno rabbrividire. Ho ripreso sport e vita normale. Ciò per dirti di farti forza, tutto passa….

  10. M on

    Caro Giuliano ti voglio chiedere in riguardo a mio figlio e dal mese di agosto con la spodiolodiscite messo in letto dopo 3mesi di antibiotici nn riesce ancora a muovere la schiena vorrei sapere se tu dopo la cura ai fatto riabilitazione e visto che c’è molta ancora infiammazione ti anno somministrato ancora medicine visto che gli è stata sospesa la cura!grazie aspetto la tua risposta

  11. Daniele on

    Io dopo uno sforzo fatto per puro caso ho sentito come se cedere una vertebra (era solo la punta della parte interna della stessa) dopo 20 giorni dolori lancinanti che partivano dalla spina dorsale fino a tutto il torace. Dopo 10 giorni di punture, antidolorifici e cortisone, consigliati visto che il dolore aumentava.. ho contattato un Professore universitario di Foggia che mi ha segnalato la REUMATOLOGIA UNIVERSITARIA DI FOGGIA presso l’ospedale Riuniti di Foggia. Posso dire che sono speciali, non bravi di più. Hanno avviato le ricerche con contestuale gestione del dolore e dopo solo 2 giorni hanno iniziato una cura con 10 flebo al giorno e dopo 15 giorni sono a casa con un busto molto rigido che mi consente di muovermi agevolmente. Di lavorare. Ovvio ho una cura di mantenimento farò altri esami ma sono fiducioso che presto sarà tutto un brutto ricordo.

  12. mary on

    Buongiorno a tutti! io ho scoperto di avere la spondilodiscite un anno fa. I dolori erano infernali. Dopo vari antidolorifici e accertamenti mi sono sottoposta a un’ agobiopsia tac guidata, con la quale è stato riscontrato il batterio ed è stato curato con flebo antibiotiche e pillole. Adesso dopo diversi cicli di fisioterapia sto bene!
    L’ultima pet ha accertato la guarigione totale: le vertebre si sono unite, non c’e’ più il disco intravertebrale e non c’è più l’infezione.
    Resto a disposizione per chi vuole un consiglio!

Rispondi

  • (will not be published)