1334
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

07 apr 2011

Gent.mo Dott. Longobardi, mi chiamo Katia. Ho letto con grande interesse il suo blog perché’ in seguito a una serie di “incidenti subacquei” ho deciso di approfondire il problema. Ho consultato diversi specialisti iperbarici ma da nessuno ho ottenuto risposte convincenti sotto il punto di vista subacqueo. Stamattina ho chiamato la segreteria del Centro iperbarico Ravenna e ho parlato con Francesca Cappai chiedendo la possibilità di avere un suo consulto e lei mi ha consigliato di descrivere prima su questo blog la mia storia.

Io sono brevettata dal 2008. Le mie prime 30 immersioni sono andate liscie. A ottobre 2009 durante una crociera sub alle Maldive , durante la seconda immersione del terzo giorno – mentre ero a 30 metri, non in risalita – ho avvertito un acufene fortissimo all’orecchio sx. Dapprima non gli ho dato importanza ma poi fuori dall’acqua mi sono resa conto che avevo perso la capacita’ uditiva. Al ritorno dal viaggio ho chiesto un consulto a un medico iperbarico che ha escluso da subito un incidente da decompressione (MDD), primo perché era accaduto quando ero ancora sul fondo e secondo perché i grafici del computer non mostrvano errori in risalita.

La diagnosi e’ stata di ipoacusia idiopatica; terapia: 20 sedute da 85 minuti in camera iperbarica. La perdita di udito che all’origine era del 90% e’ stata recuperata parzialmente e ora l’orecchio sx “sente”  per un’85% solamente.

Durante l’estate 2010 ho continuato a immergermi,n per precauzione solo nitrox a profondita’ max 30 metri. E qui nessun problema.

Ottobre 2010. Altra crociera sub alle Maldive….gia’ dalla prima immersione della settimana comincio ad avvertire un lieve dolore sottocutaneo simile all’iperestesia di un ematoma senza pero’ tracce visibili clinicamente. Dopo la terza immersione si e’ evidenziato anche un gonfiore sottocutaneo e qualche pallidissimo rush; tutto questo localizzato nella zona laterale delle cosce (i cd “cuscinetti”) e nell’interno delle ginocchia.

Questi segni mi hanno insospettito e nonostante le guide sminuissero le manifestazioni ho deciso di sospendere le immersioni per un giorno, esattamente a metà settimana in attesa che si completasse la desaturazione…almeno da computer.  Riprese le immersioni i segni sono ricomparsi in forma molto più lieve, direi trascurabile per poi scomparire completamente già il giorno di arrivo in Italia dopo il volo. Non avendo più segni evidenti di danno, non ho approfondito con ulteriori accertamenti

Poi 25 giorni fa…nuova crociera sub. Subito dopo la prima immersione (13 marzo 2011) e’ ricomparso il dolore sottocutaneo alle cosce e stavolta anche alle braccia; soprattutto nella zona retroascellare. Il segno piu’ evidente e’ stato la comparsa, dopo circa 60 min. dall’uscita dall’acqua, prurito diffuso a gambe e braccia e una macchia bluastra rotondeggiante di diametro 3-4 cm sull’avambraccio sx. Prudentemente ho atteso e mi sono reimmersa il giorno successivo. Infatti la mattina del 14 marzo non avevo più nulla a livello cutaneo però era comparso un bruciore alla trachea o comunque in sede retrosternale esacerbato dalla respirazione. Ho fatto comunque la prima immersione della mattina senza problemi e dopo 3 ore la ripetitiva. Dopo un’ora dall’uscita e una doccia fredda ho controllato: rush cutaneo su tutte le gambe e le braccia con gonfiore, bruciore tracheale e astenia. Non ho nemmeno fatto in tempo a chiedere l’ossigeno che avevo già perso sensibilità e forza in tutti e quattro gli arti e la vista a entrambi gli occhi. Insomma restava funzionante solo l’udito all’orecchio dx. Dopo 3 ore di ossigeno normobarico pochi miglioramenti e camera iperbarica: 14 marzo – tabella 6 U.S. Navy x la durata di 6 ore; 15 marzo – tabella 5 US Navy (3 ore); 16 marzo- follow up da 85 minuti. Diagnosi del medico iperbarico: MDD sottucutanea, linfatica e neurosensoriale. Sottolineo: nessun interessamento delle articolazioni e rush all’addome comparso solo in ultimissima fase.

Mi è stato consentito di prendere l’aereo dal 20 marzo 2011 con obbligo di sospendere l’attivita’ subacquea perché avevo subito tre episodi di MDD non giustificati da errori in risalita.

Dopo 4 ore dall’atterraggio in Italia è iniziata una sindrome vertiginosa fortissima, da non riuscire a stare in piedi in equilibrio (senza nausea); dolori sottocutanei alle gambe, con formicolio intenso. Al PS mi hanno guardato come se fossi un’aliena quando ho raccontato la mia storia. Dietro consulto telefonico col medico del DAN mi hanno sottoposto di nuovo a tabella 6 US Navy e nei giorni successivi a follow up da 85 min. A oggi sono al decimo giorno di terapia iperbarica. Le vertigini sono praticamente scomparse ma l’iperstesia alle gambe, dopo un iniziale recessione, sta cominciando a riacutizzarsi.

Durante questa mia odissea a qualcuno e’ sorto il dubbio che io possa presentare una pervietà del forame ovale (PFO o FOP),  quindi il giorno 13 aprile devo recarmi in ospedale per eseguire l’ecocardiografia transesofagea. Leggendo il suo blog sono rimasta colpita dal fatto che potrebbero esistere degli altri “buchi” e che comunque di solito l’esame transesofageo dovrebbe seguire altre tipologie di esami meno invasivi. Come tutti i subacquei che scrivono nel suo blog vorrei continuare ad immergermi….quindi le chiedo un consulto su quale iter diagnostico dovrei seguire e in particolar modo vorrei eseguirlo sotto la sua supervisione. Spero di essere stata sufficientemente esaustiva. La ringrazio fin d’ora per la sua disponibilità. Attendo la risposta con ansia, Katia

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

3 Risposte a “Incidente da decompressione immeritato….pervietà del forame ovale (PFO/FOP)?”

  1. Pasquale Longobardi on

    cara Katia, ti ringrazio per l’attenzione e la stima. Il tuo resoconto è dettagliato e sono preoccupato per il danno causato dall’ultimo incidente per il quale sei ancora in cura.

    E’ importante che tu sia vista, subito, da un fisiatra esperto in neuroriabilitazione per iniziare quanto prima un ciclo di riabilitazione posturale e propriocettivo. Mi interesserebbe valutare anche la Risonanza Magnetica cerebrale e della colonna vertebrale (in toto o anche solo del midollo spinale cervicale)

    E’ effettivamente necessario valutare se ci siano i “buchi” (travaso o shunt di sangue dalla parte destra alla parte sinistra della circolazione). La competenza e l’esperienza del Centro iperbarico Ravenna consigliano vivamente un approccio globale (olistico) e non limitato alla ricerca della pervietà del forame ovale (PFO o FOP) nel cuore. Il percorso proposto in Ravenna prevede una indagine che dovresti eseguire tramite prescrizione del tuo medico curante:
    - scintigrafia polmonare perfusionale con valutazione delle statistiche al cranio e al rene. quesito: escludere la presenza di shunt destro sinistro extracardiaco.
    E tre indagini che possono essere eseguite presso il Centro iperbarico Ravenna nella stessa giornata (mercoledì pomeriggio):
    - ecodoppler transcranico con contrasto sonografico. Il dott. Paolo Limoni è bravo nel rilevare e contare le bolle che arrivino in entrambe le parti del cranio.
    - test ossigeno: emogasanalisi durante respirazione in aria e ossigeno a elevato flusso
    - ossimetria transcutanea

    Saremo certi della presenza di un travaso di sangue qualora siano presenti anche poche bolle a riposo o più di 15 bolle dopo manovra di Valsalva; una tensione di ossigeno inferiore a 400 millimetri di mercurio.

    Solo in tal caso e in assenza di shunt polmonare o in altra sede, sarà appropriata l’ecocardiografia transesofagea in previsione della eventuale chiusura della pervietà del forame ovale.

    Esegui la scintigrafia polmonare e concorda con Francesca Cappai (0544-500152) il percorso per la ricerca dello shunt ds/sn. Nella stessa giornata è prevista la mia valutazione. Insieme decideremo come procedere per il ritorno alle immersioni in sicurezza (limitazioni o chiusura del FOP). Ti aspetto, Pasquale

  2. Katia Sternieri on

    Gent.mo Dott. Longobardi, grazie innanzitutto per il suo interessamento e la sua solerzia nella risposta. Anche io sono molto preoccupata per quest’ultima evoluzione neurosensoriale della mia patologia ma non meno del fatto di dover rinunciare alla subacquea intorno alla quale ho costruito buona parte della mia vita. Quindi seguirò alla lettera i suoi consigli a partire dalla visita fisiatrica. Nel caso abbia da propormi un bravo specialista che operi dalle mie parti accetterò suggerimenti.
    Quanto alla RMN nel mio racconto dettagliato ho tralasciato di scrivere che sono gia’ stata sottoposta a RMN cerebrale e spinale. Le riporto di seguito alla lettera l’esito dei referti:
    - RM cerebrale e tronco encefalico: Il sistema ventricolare ha dimensioni e morfologia normali. Normale rappresentazione degli spazi subaracnoidei della base e della convessità. Non evidenti alterazioni morfologiche e di segnale delle strutture encefaliche. Non mi hanno rilasciato il cd con le immagini ma, se ritenesse necessario valutarlo in sede di visita, potrei farne richiesta.
    - mercoledì 13 aprile e’ prevista la RM cervicale.
    Nel frattempo procedo con la prenotazione della scintigrafia e la prenotazione presso il Centro iperbarico Ravenna del check up per la ricerca dello shunt destro sinistro (chiamando Francesca). Grazie ancora. Katia

  3. Pasquale Longobardi on

    cara Katia, grazie per l’attenzione e le precisazioni. Sono felice che la RM cerebrale sia negativa (se non fosse complicato, chiedi copia del CD immagini e me lo mostrerai durante la visita). Procedi con Francesca per l’appuntamento. Ti aspetto, Pasquale

Rispondi

  • (will not be published)