1327
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

14 mag 2011

Ciao Pasquale, sono Tiziano Scolari marito di Emanuela che ha subito un incidente subacqueo nel 2001 in Messico… grazie della tua dedizione e professionalità, ora Manu sta bene…

Ti chiedo gentilmente informazione  se l’assunzione del farmaco FOSAVANCE 70 mg/5600 UI compresse – acido alendronico e colecalciferolo, noto come viamina D , 1 compressa alla settimana da 6 mesi  da Emanuela per prevenzione osteoporosi, è compatibile con le immersioni che andremmo a fare fra un mese a Bali.

Ringraziando anticipatamente, ti abbraccio. Tiziano

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UnoRisposta a “L’alendronato (Fosavance) per osteoporosi è controindicato per l’immersione?”

  1. Pasquale Longobardi on

    cari Emanuela e Tiziano, vi ringrazio per l’attenzione. Ricordo perfettamente il grave incidente da decompressione di Emanuela ed è una gioia immaginarla ora immergersi in giro per il mondo.

    In sintesi, Emanuela può immergersi se abitualmente non soffra di effetti collaterali dopo l’assunzione del farmaco.

    Difatti l’alendronato, il colecalciferolo e gli altri eccipienti contenuti nel Fosavance possono provocare cefalea, disturbi del visus, vertigine, nausea, dolore muscolare e osseo, rush cutaneo (macchie sulla pelle)che, se presenti in contemporanea con l’immersione, potrebbero creare problemi di diagnosi differenziale con l’incidente da decompressione.

    Anche in assenza di effetti collaterali, pare ragionevole immergersi dopo due giorni dall’assunzione del farmaco (che avviene una volta per settimana).

    Indipendentemente dall’attività subacquea consiglio un controllo della funzionalità renale (creatininemia), del fegato (transaminasi), della bocca (visita odontoiatrica per controllo mandibola e denti), degli occhi (visita oculistica). Sono tutti organi a rischio di danno in caso di assunzione prolungata dell’alendronato.

    Un abbraccio, Pasquale

Rispondi

  • (will not be published)