1334
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

13 dic 2011

Come cambia la sanità nell’era dei social network? E quanto dovrà cambiare ancora quando i pazienti saranno prevalentemente “nativi digitali”?

Alcuni dati di scenario si possono intuire dai risultati di una recente ricerca intitolata “L’informazione medico-scientifica nell’era digitale” realizzata da Eikon Strategic Consulting su zzub, la più grande community di ‘passaparola’ in Italia che evidenzia come l’85% dei giovani italiani utilizza internet per reperire informazioni di tipo medico-sanitario e informazioni scientifiche.

Dallo studio, realizzato su un campione composto prevalentemente di persone tra i 18 e i 35 anni, emerge anche un importante cambiamento di comportamento delle persone nella ricerca di informazioni sulla salute: solo il 48% degli intervistati considera affidabili le informazioni divulgate da stampa e radiotelevisione. I canali considerati piu’ attendibili per acquisire informazioni medico-scientifiche sono invece i siti web di informazione scientifica (80%), i siti web delle associazioni mediche (80%) ed i siti web delle associazioni di pazienti (65%).

Oggi il ruolo del medico e del ricercatore sono dunque rafforzati rispetto a quello del giornalista scientifico: il 46% degli intervistati, infatti, legge il parere di un professionista e il 25% quello di un ricercatore. Soltanto l’8% sceglie invece le notizie divulgate dai giornalisti scientifici.

Internet rappresenta quindi un’importante strumento nel rapporto tra pazienti e dottori tanto che la mediazione della tecnologia sembra non ostacolare il rapport ma anzi spesso l’informalità della rete lo rende più accessibile, diretto e umano.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Rispondi

  • (will not be published)