1334
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

06 lug 2012

Lucia è giovane, ha un bimbo di un anno e mezzo e purtroppo un tumore che l’ha costretta a fare chemioterapia. Ad aprile è arrivata al centro iperbarico in sedia a rotelle perché la cura le aveva provocato ulcere sanguinanti ai piedi che non le permettevano più di camminare.

La chemioterapia è una cura difficile, che tra le tante controindicazioni spesso provoca anche grande secchezza della pelle, soprattutto nella zona delle mani e dei piedi a tal punto che la pelle si sfoglia e provoca ulcere sanguinanti molto dolorose.

Quando è arrivata al Centro Iperbarico di Ravenna la preoccupazione più grande di Lucia però non era per la sua malattia, ma per il suo bambino. Voleva solo fare in fretta per non restare troppo tempo lontana dal piccolo Tommaso, il suo unico pensiero ogni volta che doveva sottoporsi a un trattamento.

Lucia all’inizio della sua malattia aveva dovuto assentarsi da casa per un mese, per curarsi, e al suo ritorno Tommaso, che allora era molto piccolo,  non la  riconosceva più. Il più grande dei dolori per questa giovane mamma costretta ad affrontare una malattia così difficile in un momento della vita che doveva essere riempito solo dalla gioia di veder crescere il suo piccolo.

Al Centro Iperbarico abbiamo cercato di curare Lucia il più in fretta possibile: due sedute al giorno di camera iperbarica e due medicazioni al giorno alle ulcere diffuse nella pianta dei piedi.

11 camere iperbariche mattino e sera per 6 giorni sono state impegnative per Lucia, ma i miglioramenti in così breve tempo erano sotto gli occhi di tutti e la sua determinazione a guarire in fretta  ha aiutato il processo di guarigione.  Dopo soli sei giorni Lucia è uscita dal Centro camminando sui suoi piedi, senza più quel dolore lancinante che la costringeva a stare seduta sulla carrozzella.

Il suo viso era pieno di gioia perché finalmente stava meglio, ma soprattutto perché finalmente poteva tornare dal suo Tommaso. E noi dobbiamo dirlo eravamo davvero molto felici per lei.

Patrizia Baroni, caposala Day Service Ambulatoriale “Cura Ferite Difficili” (DSA – CFD) 

 

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Rispondi

  • (will not be published)