1334
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

20 lug 2012

Nel maggio scorso Luca ha subito un operazione al ginocchio per inserire una protesi, ma dopo soli pochi giorni sono arrivate numerose complicazioni: la protesi si è infettata, i punti di sutura della ferita chirurgica hanno ceduto causandone la deiscenza e il ginocchio ha iniziato a perdere liquido sinoviale.

Il problema più grande di Luca è l’artrite reumatoide di cui è affetto da tempo.
L’artrite reumatoide è un’infiammazione delle articolazioni che colpisce la membrana sinoviale distruggendo cartilagini, ossa e provocando danni a tendini e legamenti. Questa malattia è progressiva e tende a diventare cronica: colpisce le articolazioni mobili del corpo, in particolare le articolazioni delle mani, dei piedi, dei polsi, dei gomiti, delle caviglie, delle spalle, delle anche e la colonna vertebrale. I pazienti affetti da artrite reumatoide provano molto dolore e soffrono di gonfiori, rigidezza degli arti e difficoltà di movimento.

La ferita chirurgica di Luca non riusciva proprio a guarire e la perdita del liquido sinoviale con questa patologia rischiava di causargli gravi danni. L’ortopedico ha quindi consigliato a Luca di recarsi subito al DSA “Cura Ferite Difficili” del Centro Iperbarico di Ravenna dove è stato seguito il protocollo previsto in questi casi: Terapia a pressione negativa (TPN) e ossigenoterapia iperbarica.

La terapia a pressione negativa è un tipo di cura che permette di ridurre il tempo di guarigione delle ferite mettendole “sotto vuoto”: nello spazio della lesione viene applicato un riempimento in schiuma o garza, nella ferita viene inserito un tubicino e il tutto viene sigillato con una pellicola adesiva. Il “tubicino” permette di drenare la ferita raccogliendo il liquido così che,  rimanendo asciutta, possa guarire meglio.

Luca infatti è guarito seguendo un ciclo di soli 15 giorni di terapia a pressione negativa e 20 sedute di camera iperbarica!

Tutto lo staff del Centro Iperbarico di Ravenna gli fa un grande in bocca al lupo per un veloce recupero delle funzionalità del ginocchio.

 

Ecco le slide del dottor Longobardi che mostrano l’efficacia del connubio Terapia a pressione negativa e ossigenoterapia iperbarica 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Rispondi

  • (will not be published)