1327
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

21 mar 2013

Sono una donna di 60 anni con patologia di artrite reumatoide e diabete . Un anno e mezzo fa mi e’ spuntata la prima ulcera  alla gamba che ancora oggi mi da problemi, in più negli ultimi sei mesi se ne sono aggiunte altre 4. Le sto curando con delle medicazioni  di soluzione fisiologica disinfettate con il betadine, poi metto  la connettivina e le copro con le garze sterili e fasciate, infine procedo a bendarle con una fasciatura di benda autoadesiva  dalla punta del piede fino a sotto al ginocchio, ma non vedo miglioramenti. Mi puo’ aiutare? che ne pensa? cordiali saluti e la ringrazio anticipatamente in attesa di una sua risposta.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UnoRisposta a “Artrite reumatoide, diabete e ulcere alle gambe: seguo la cura corretta?”

  1. Patrizia Baroni on

    Carissima Concetta,
    presso il nostro Centro si presentano molte situazioni simili alla sua: le ulcere si formano molto spesso a causa dell’artrite reumatoide, una malattia autoimmune di cui ancora non si conosce la causa.
    Da un punto di vista psicosomatico, si pensa che nell’organismo si innescano delle situazioni emozionali che creano dei conflitti tali da scatenare una autodistruzione delle proprie cellule.
    Se a questo associamo il diabete che, come lei sa, contribuisce ad aumentare il rischio di infezione, si capisce il perchè questo tipo di lesioni siano così difficili da curare.
    Il consiglio che le posso dare senza avere a disposizione altri dati è quello di utilizzare solo medicazioni naturali tipo Holoil, garze di cotone, garze grasse prive di medicamento e sospendere l’utilizzo di betadine. Bene invece la pulizia con fisiologica.
    Sarebbe opportuno un consulto medico per impostare la terapia sistemica.
    Restiamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

    Cordiali saluti,
    Patrizia Baroni

Rispondi

  • (will not be published)