1327
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

09 mag 2013

Gentlissimo Dottore,
in data 12.02.13 mi procuro sul lavoro trauma da lastra metallica pesante (presa di taglio) alla tibia gamba dx. Per una decina di giorni ho soprasseduto alle cure, pensavo fosse una semplice botta alla tibia riassorbibile ed ho continuato le normali attività disinfettando soltanto l’escoriazione presente dopo il trauma.

In data 25.02.13 sono andato al pronto soccorso per gonfiore, dolore e pelle calda nella zona del trauma. La lastra per fratture è risultata negativa, D-dimero nella norma e altri valori di routine. Cura: Augmenin 3 cp/die.

L’ortopedico del pronto soccorso mi fa fare un consulto dal Vascolare che in data 26.02.13 mi drena abbondante liquido sieroematico in corrispondenza di una piccola ulcera necrotica (che io ritenevo fosse una crosta da escoriazione soltanto più profonda) con scarsi coaguli che mostra un’ampia cavità sottocutanea. Mi lascia aperto un “buco” di drenaggio creato in corrispondenza di questa cavità e mi medica a piatto dopo abbondanti lavaggi a base di betadine, acqua ossigenata e fisiologica. 

Le settimane successive presentavo abbondante linforrea con copiose colature di siero. Un medico del Reparto mi ha disgnosticato un linfocele.

Da quel maledetto giorno (del trauma o della medicazione valuti Lei gentile Dottore) è passato più di un mese e pochi giorni fa dopo l’ennesima medicazione a piatto con betadine, fisiologica et simila il Primario del reparto di Chiururgia Vascolare mi vista nell’ambulatorio e nota rossore e zona calda intorno al “buco” di drenaggio spontaneo. La ferita (o ulcera non so) si è infettata. Quindi da circa 3 gg sto assumendo 3 cp di Augmentin (generico) al dì e medicazioni più frequenti.

Stamattina (28.03.13) il primario mi visita nuovamente e premendo con forza intorno al buco fa uscire una specie di “tappo” che permette l’uscita di alcuni pezzi bianchi che inizialmente apparivano come pus ma in realtà a sua detta e visti anche dal sottoscritto venivano definiti pezzi di grasso sottocutaneo. Ora mi chiedo come mai a distanza di oltre un mese invece di migliorare peggioro, con fuorisuscita di questi “detriti”. Ho una netta paura di non essere incappato in terapie appropiate. Mi dia un Suo illustre giudizio gentile Dottore.

La ringrazio.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UnoRisposta a “Trauma alla gamba destra e continua perdita di siero con recente infezione”

  1. Patrizia Baroni on

    Carissimo Mauro,
    capita spesso che dopo un trauma si verifichi un problema di questo tipo. Di frequente la causa è l’ematoma (raccolta di sangue) che non si riassorbe, col passare del tempo si organizza (si forma una raccolta di coaguli) e se non asportato si infetta.

    Dal suo racconto si capisce che può essersi creata questa situazione in associazione ad un linfedema determinato dalla stasi (il sangue ristagna verso il basso): questo succede perché la deambulazione non è corretta o limitata (es. per il dolore).

    Normalmente questo tipo di lesioni presso il nostro centro vengono trattate con pulizia chirurgica o ultrasuoni + acqua fisiologica. In base ai dati rilevati si confeziona poi un bendaggio elastocompressivo con bende medicate alla cumarina. Nel caso sia già presente una infezione, il medico iperbarista prescrive anche sedute di camera iperbarica insieme all’assunzione di uno o più antibiotici.

    Questo è il percorso che adottiamo generalmente in questi casi al Centro Iperbarico, ma ovviamente occorre eseguire una visita specialistica per valutare il percorso appropriato nel suo caso specifico.

    Nel caso voglia prenotare una visita presso il nostro Centro può contattare la Segreteria al numero 0544 500152 oppure via mail all’indirizzo [email protected]

    Resto a disposizione per qualsiasi dubbio.
    Cordiali saluti
    Patrizia Baroni

Rispondi

  • (will not be published)