1327
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

26 giu 2013

Egregio Dottor. Longobardi, le scrivo per parlare del problema di mio Padre. Un anno fa gli è stata diagnosticata una necrosi asettica del femore che è stata trattata con antinfiammatori, integratori e anche con un’infiltrazione di acido ialuronico seguita da alcune sedute di fisioterapia e magnetoterapia. L’assunzione di questi farmaci non ha però avuto nessun effetto positivo.
Adesso mio padre si sta sottoponendo ad una terapia iperbarica e ha effettuato già trenta sedute, ma anche in questo caso la terapia “sembra” non avere effetti positivi.

cosa ci consiglia di fare?

Certo di una vostra risposta le pongo cordiali saluti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UnoRisposta a “Necrosi asettica ossea: la terapia iperbarica non sembra fare effetto. E’ possibile?”

  1. Andrea Galvani on

    Buongiorno sig. Mario,
    grazie per averci scritto.

    Di solito gli effetti terapeutici dell’Ossigeno iperbarico si possono vedere dopo circa 2 mesi dalla fine del primo ciclo di terapia, che nel caso di suo padre corrisponde a 30 sedute di camera iperbarica.

    I pazienti che non hanno ottenuto risultati soddisfacenti nel primo ciclo di sedute di ossigenoterapia iperbarica, possono comunque essere sottoposti a più a più cicli di terapia.

    Il protocollo che seguiamo al Centro Iperbarico di Ravenna prevede un primo ciclo di ossigenoterapia iperbarica di 40 sedute (le prime 20 con una pressione di 2,5 Bar, mentre le ultime 20 con una pressione di 2,2 Bar) insieme a:
    - assunzione di farmaci come Alendronato e Ranelato di Stronzio;
    - Magnetoterapia;
    - Visita Fisiatrica;
    - Idrochinesiterapia.
    Se è interessato a prenotare una visita per suo padre per valutare la possibilità di svolgere terapia iperbarica presso il nostro centro può contattarci allo 0544-500152 o via mail a [email protected].

    Un saluto cordiale,
    dott. Andrea Galvani

Rispondi

  • (will not be published)