1327
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

05 nov 2013

Salve a tutta la redazione,
Sono un congiunto della Signora Lidia che è cittadina Polacca e non vive in Italia. Purtroppo presenta una vasta ulcera al polpaccio interno della gamba sinistra con dimensioni importanti e le seguenti misure: 20 cm in verticale   e 15 circa in orizzontale .

L’ulcera è nata con un piccolo buco nel 1984 e da allora ci sono state delle fasi di chiusura e riapertura . Dal 1998 invece è cominciato un progressivo allargamento della lesione, sempre alternato ad episodi di chiusura (non totale) e riapertura fino all’estensione attuale .

Essendo distanti mi è difficile seguirla assiduamente . Ovviamente inutile dirvi che il sistema sanitario nella zona dove vive la Signora Lidia fino ad ora non ha dato risposte adeguate. La terapia di medicazione che sta seguendo attualmente è la seguente : pulizia dell’ulcera tre volte al giorno con Acqua Ossigenata, Betadine soluzione, una fiala di Nebicina 100 ad irrorare la superficie. Inoltre utilizza bendaggio con garze sterili e farmaci come Ciproxin  compresse e Seleparina 0,6.  Nonostante ciò NON riusciamo a farla rimarginare. Potete aiutarci?

Grazie,  Filippo Bellantoni

p.s.  se mi dite come posso inviare foto recentissime

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UnoRisposta a “Ulcera molto estesa alla gamba sinistra sin dal 1984: potete aiutarci?”

  1. Klarida Hoxha on

    Caro Filippo,
    considerando il fatto che l’ulcera persiste da molti anni e che il sistema sanitario locale non trova le risposte adeguate alla necessità di Lidia, la situazione che ci descrive non è facile da gestire.

    Ho pochi elementi su cui fare affidamento ma partendo dalla zona della lesione (polpaccio interno), la prima cosa che mi viene in mente dalla tua descrizione é una ulcera venosa (correttamente si dice “flebolinfostatica”). Potrebbe quindi essere utile una consulenza dal chirurgo vascolare e sottoporre linda a un ecocolordoppler artero –venoso per escludere una Trombosi Venosa Profonda e/o Superficiale. In tal caso la guarigione è possibile solo con una corretta terapia compressiva (bendaggio) e Terapia Anticoagulante Orale (TAO). Il bendaggio deve essere eseguito da personale specializzato in quando deve esercitare una compressione adeguata e graduata (pressione maggiore alle caviglie, 40-50 mmHg, e pressione più bassa intorno alle ginocchia). Se la signora Lidia non presentasse dolore o presenza di edema (gonfiore alla gamba) è consigliato anche i camminare a lungo.

    Al Centro iperbarico in casi del genere indaghiamo anche alterazioni della bilancia coagulativa e fibrinolitica e test genetici per la ricerca dei geni relativi a queste alterazioni. Inoltre, eseguiamo anche dei piccoli test sulla ferita per misurare il pH e le metalloproteasi (piccole molecole che se presenti in eccesso, ritardano la guarigione). Se è da molto tempo che Lidia usa la Seleparina, sarebbe utile sostituirlo a un farmaco chiamato Vessel (Alfa Wassermann) che oltre a rafforzare i vasi sanguigni ed essere indicato in casi di ulcere croniche venose, è anche un inibitore delle metalloproteasi.

    Tornando alle medicazioni, noi preferiamo non usare l’acqua ossigenata e il betadine in modo così frequente in quanto sono semplicemente istolesivi (nocivi per le cellule e il tessuto), quindi laddove uccidono i germi, uccidono anche le cellule nuove che tentano di ripararsi.
    In attesa che mi mandi una foto ( indirizzo mail [email protected] indicando all’attenzione di Klarida Hoxha) per poterla valutare meglio, oltre la terapia compressiva e la terapia antibiotica potrebbero essere efficaci anche gli ozonuri che hanno potere antibatterico e favoriscono la riparazione della perdita di sostanza facilitando la formazione di nuovi vasi sanguigni. In Italia gli ozonuri sono in commercio come pomata o olio spray (Crystacide, Ozonia, Azexin il quale contiene bisabololo, efficace contro il dolore).

    Recentemente abbiamo avuto ospite dalla Polonia un medico specializzato in Medicina Subacquea ed Iperbarica per un importante convegno realizzato a Ravenna e parlando abbiamo scoperto insieme che la cultura albanese (Paese da cui io provengo) è simile a quella polacca. Dunque auguro alla signora Lidia un grande in bocca al lupo e spero di vederla al più presto nel nostro Centro per scambiare qualche piccolo aneddoto e per poterla aiutare nelle sue necessità con tutto il cuore, (segreteria 0544/500152), un caro saluto,
    Klarida

Rispondi

  • (will not be published)