1334
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

25 dic 2013

Salve Pasquale, chiedo scusa x il disturbo. Da circa un anno sono guida subacquea in Mar Rosso, mi è capitato ieri sera (23 dicembre 2013) di avere delle coliche renali che però oggi sembrano sparite. Dopo quanto tempo posso ricominciare ad immergermi?

Chiedo a lei perché dei medici generici locali mi fido poco ed è un po’ difficile comunicare e farsi capire dai medici iperbarici locali. Grazie mille e scusi ancora x il disturbo. Daniela

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

2 Risposte a “SOS Mar Rosso: colica, posso immergermi?”

  1. Pasquale Longobardi on

    gentile Daniela, grazie per la stima.
    Se fosse realmente un problema renale potresti immergerti appena ti sentirai bene, quando la pipì sarà chiara e con flusso regolare (circa 1,5 litri al giorno).
    In realtà senza una ecografia la diagnosi è approssimativa, potrebbe essere un dolore muscolare, la irritazione di una radice nervosa infiammata vicino alla colonna vertebrale (radicolopatia), una colica intestinale o legata alla ovulazione. Quindi è necessaria una valutazione medica sul posto con eventuale ecografia dell’addome.
    In generale bevi acqua regolarmente (1,5-2 litri al giorno e certamente mezzo litro appena dopo la emersione) – l’immersione disidrata ed è necessario ripristinare i liquidi in particolare appena emersi; evita gli alcolici; evita di sforzare la schiena (utilizza carrelli e maniglie per il trasporto delle attrezzature subacquee pesanti come le bombole).
    In Sharm el Sheik affidati al dottor Adel Taher e al suo staff, godono della mia massima fiducia e sono bravi.
    Buon Natale, Pasquale

  2. Luciano on

    Qualora si trattasse realmente di una colica renale-mi permetterei di aggiungere al prezioso consiglio del prof. Longobardi- di integrazione dietetica ricca di limone e verdure o comunque di alimenti alcalinizzanti, evitando latte e derivati e ridurre il più possibile il consumo di carni rosse. Con molta cordialità. Dr. Luciano Allegretti

Rispondi

  • (will not be published)