1327
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

27 gen 2014

Buonasera, sono il Dott. Vincenzo D’Amico, le porto all’attenzione il caso di una mia paziente affetta da artrite reumatoide e vasculite con lesioni ulcerative di terzo grado su entrambe le gambe.
Dopo aver sottoposto la paziente ad una integrazione di vitamina c, aloe, cellfood, anitiossidanti quali Nike R.c.k., cloruro di magnesio e dieta quasi vegana ( solo un pò di carne bianca), le ulcerazioni erano sensibilmente migliorate ma, vista la scarsa collaborazione della paziente, e vista l’instabilità della progressione la situazione sembra lontana dalla risoluzione.
chiedo un consulto, se possibile

Saluti

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UnoRisposta a “Ulcere bilaterali sulle gambe dovute a vasculite”

  1. Claudia Rastelli on

    Gentile Dott. D’Amico,
    grazie per la stima che ci dimostra.

    Come ben sa le ulcere da vasculite sono le più ostiche da guarire. Il protocollo che seguiamo al Centro Iperbarico di Ravenna prevede lo studio del paziente attraverso esami ematochimici specifici per le malattie autoimmuni quali: Emocromo, VES, PCR, Fibrinogeno, ANA ,ANCA, ENA, Anti DNA, Complementemia (C3,C4) ma anche , aptoglobina, protidemia totale, sideremia, creatininemia, GPT, glicemia, PT, PTT. Viene inoltre raccomandato un consulto reumatologico per una terapia mirata, sempre che tutto ciò non sia già stato effettuato.
    Consigliamo inoltre lo studio della circolazione artero-venosa degli arti inferiori per indagare l’esistenza di una patologia concomitante.

    Nel suo resoconto non viene specificato se la sua assistita segue una terapia cortisonica o immunomodulante che potrebbero influenzare la guarigione. Può risultare utile un ciclo di ossigenoterapia Iperbarica che aiuta a ridurre l’infiammazione locale e promuove la riparazione tissutale, oltre a medicazioni inerti adatte al tipo di lesione della sua paziente.

    Presso il nostro centro si potrebbe valutare il caso specifico della signora, individuare il tipo di medicazione più adatta ed eventualmente la necessità di una medicazione avanzata con gel piastrinico o innesto con matrice bioingegnerizzata.
    Rimaniamo a disposizione per ogni chiarimento.

    Cordiali saluti,
    Dott.ssa Claudia Rastelli

Rispondi

  • (will not be published)