1334
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

24 feb 2014

Buona sera dott. Longobardi volevo chiederle a suo giudizio quale strada percorrere per una ferita riapertasi dopo un intervento al tendine d’Achille.

Sono stato operato due mesi fa con un intervento di re-inserzione  del tendine d’Achille, dopo due settimane mi sono state tolte le graffette di sutura e fino a quel momento tutto bene. Dopo qualche giorno però ha iniziato ad aprirsi un piccolo lembo di pelle all’altezza  del calcagno che si è allargato fino ad assumere le dimensioni di una moneta da 2 euro.

Il primario, speranzoso che la ferita si richiudesse da sola, è intervenuto fino a ieri con medicazioni bi settimanali che hanno portato ad avere una ferita “bella”, non purulenta e anche ben vascolarizzata, ma che comunque non riesce a chiudersi lasciando anche in quel punto un pezzetto di tendine scoperto.

A questo punto il dottore mi ha dirottato in un altro ospedale per una plastica di micro chirurgia, ora chiedo se tramite voi è possibile risolvere il problema con una soluzione meno invasiva visto che quella consigliatami è un intervento a tutti gli effetti.

La ringrazio ed attendo una sua risposta per potermi anche mettere in contatto con voi.

Scarpellini

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UnoRisposta a “Ferita da tendine d’Achille: è possibile guarire con un intervento non invasivo?”

  1. Patrizia Baroni on

    Carissimo Stefano, comprendo la sua preoccupazione: casi come il suo sono abbastanza frequenti presso il nostro Centro.

    L’iter che seguiamo al Centro Iperbarico di Ravenna prevede una prima visita con esami specifici (Indice di Windsor, laser doppler ossimetria e altro) che ci permette di valutare la causa che ha impedito una completa cicatrizzazione della ferita. Sulla base dei referti si programma poi un trattamento personalizzato che può variare dalla semplice medicazione all’applicazione di un innesto bioingegnerizzato (tecnica non invasiva) con l’associazione di una terapia a pressione negativa ed eventuale terapia compressiva.

    Nel caso sia interessato a prendere contatti con il nostro Centro le segnalo i numeri di telefono dove può contattarci: segreteria – tel. 0544 500152 – email [email protected]

    Restiamo a disposizione per eventuali chiarimenti.
    Patrizia Baroni

Rispondi

  • (will not be published)