1308
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

02 set 2014

Gentile Direttore buongiorno, sono Danilo titolare di un Diving Center. La disturbo per avere da Lei un consiglio.

Mi piace essere pignolo per la qualità dell’aria nei compressori che caricano le bombole per l’attività subacquea. Ogni anno faccio manutenzione. Utilizzo olio per aria respirabile; sostituisco tutte le fruste; ho aggiunto ulteriori filtri di depurazione uguali a quelli già presenti in linea sui compressori. Ogni trenta ore  di ricarica sostituisco tutti i filtri (utilizzo quelli originali della Ditta produttrice del compressore) e il carbone attivo a granulazione molecolare.

Desideravo sapere se lei mi potesse suggerire dove acquistare un rilevatore di monossido di carbonio affidabile.

In attesa di una sua gradita risposta, formulo distinti saluti. Grazie. Cordialità

Danilo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

2 Risposte a “Che aria respiro? Analisi aria e monossido carbonio per l’immersione”

  1. Pasquale Longobardi on

    gentile Danilo, grazie per l’attenzione.
    Sono felice della cura con la quale gestisci la ricarica delle bombole: è molto importante per la sicurezza delle immersioni. Ti suggerisco di fare analizzare l’aria da una Ditta esterna, almeno a inizio stagione: ti è utile in caso di verifica delle Istituzioni e, inoltre, potresti affiggere l’esito in vista per i clienti.
    Per il monossido di carbonio, se tu facessi riferimento all’episodio di questa estate (2014), considera che si è trattato di un incidente raro e gravissimo (fatale). Le indagini dovranno chiarire se l’incidente fosse accidentale (non prevedibile) o fosse stato possibile evitarlo con la corretta gestione della ricarica delle bombole: manutenzione e gestione appropriata (per esempio bocchetta di aspirazione posta in alto e che aspiri aria salubre). Il rilevatore di monossido di carbonio è utile per riconoscere gli eventi accidentali ma non sostituisce la corretta gestione dell’ordinario.
    Se tu fossi interessato ad avere il rilevatore, nel web trovi tanti modelli da cinque euro in su. Anche il DAN Europe propone (vende) un dispositivo. Scegli i modelli che ti piacciono di più (modalità di utilizzo, costo) e verifica le schede tecniche dei diversi dispositivi, magari chiedendo il parere dei Vigili del Fuoco a te vicini.
    Per darti un’idea sulle caratteristiche che ritengo valide, un dispositivo di riferimento è il RILEVATORE MONOGAS MSA ALTAIR CO MONOSSIDO DI CARBONIO 10092522 – 25/100 PPM (http://tinyurl.com/mt84jh7).
    Un caro saluto, Pasquale

  2. alessandro on

    Buonasera direttore e Danilo, sono presidente dello scuba diving club Gaeta. Ho visto anche io le caratteristiche del rilevatore co2 e sono molto interessato all’acquisto…volevo sapere se Danilo lo ha acquistato e se si come si trova nell’utilizzarlo…
    grazie

Rispondi

  • (will not be published)