1310
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

13 ott 2014

Vorrei avere una risposta riguarda a un problema di mia mamma. Un anno fa è stata operata a causa di una caduta e gli hanno messo 9 bulloni e un pezzo di pezzo di acciaio inox tra la caviglia e la parte inferiore della gamba (l’operazione e stata fatta all’estero).

Da 3 mesi e uscita una specie di ulcera da cui esce un liquido giallo e fa prurito. il medico curante le ha prescritto una pomata Iruxol: all’inizio sembrava cicatrizzata ma poi si è formata un’altra volta e ancora più estesa. Consultando un altro medico gli è stato consigliato di prendere bustine Flebinec una volta al giorno per 20 giorni  e Ciproxin 500 mg per 6 giorni. Anche questa volta la ferita sembrava cicatrizzata ma poi è ricomparsa però non hanno dato la conferma che sia un’ulcera.

Ci hanno consigliato di portarla dall’ortopedico nel caso la ferita non guarisse, voi cosa consigliate?

Grazie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UnoRisposta a “Frattura scomposta con mezzi di sintesi che non guarisce. Che fare?”

  1. Pasquale Longobardi on

    Gentile Silvana, grazie per l’attenzione.
    Mi dispiace che la mamma non abbia ancora risolto il problema alla gamba. Quando una frattura non guarisce dopo sei mesi è da escludere una infezione dell’osso (osteite o osteomielite cronica refrattaria alle comuni terapie). Il fatto che ci sia stato un intervento chirurgico complesso e che vi siano mezzi di sintesi, richiede che sia esclusa una infezione sui “ferri” che sono nella gamba.

    L’infezione insorge quando ci sono fattori di compromissione sistemici (fumo di sigaretta, malattie reumatiche, problemi al fegato o al rene, diabete) o locali (cattiva circolazione del sangue, lo stesso trauma che la mamma ha subito e il successivo delicato intervento chirurgico).
    Fai prescrivere, dal medico di famiglia, una scintigrafia con leucociti marcati della gamba per verificare il sospetto di osteomielite. Inoltre gli esami del sangue con gli indici di infiammazione (leucociti con formula, VES, Proteina C Reattiva, fibrinogeno).

    Invia i referti alla segreteria del Centro iperbarico Ravenna (telefono 0544-500152; email: [email protected]): ti faremo avere un parere più personalizzato.
    Un cordiale saluto, Pasquale Longobardi

Rispondi

  • (will not be published)