1308
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

02 dic 2014

Preg.mo Dr. Longobardi buon giorno,
mi rivolgo a Lei per mia mamma, vorrei capire se la terapia con camera iperbarica potrebbe guarire le ulcere digitali causate da sclerosi sistemica.

Circa 28 anni fa, hanno diagnosticato a mia madre la sclerosi sistemica, ha delle ulcere digitali (lesione gangrenose) sulla mano sinistra che non guariscono, lo scorso mese le hanno amputato la falange distale del IV dito. Lo scorso anno ha iniziato la cura con Bosentan, dopo 6 settimane circa ha dovuto interrompere l’assunzione del farmaco in quanto le ha provocato un edema alle gambe; lo scorso maggio, a causa di complicazioni cardiache – fibrillazione atriale – ha dovuto interrompere anche la cura con Iloprost. Attualmente c/o l’ospedale le stanno facendo solo le medicazioni alle dita in attesa di capire come e cosa poterle somministrare per combattere la malattie e di conseguenza le ulcere digitali.

Restando in attesa di una gentile risposta, La ringrazio infinitamente per l’attenzione.

Distinti saluti.

 

Barbara Barchieri

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UnoRisposta a “Sclerosi sistemica con ulcere digitali: si può guarire con la terapia iperbarica?”

  1. Klarida Hoxha on

    Gentile Barbara, grazie per averci contattato. Mi dispiace per la mamma e per i problemi che la affliggono. Non è una situazione facile quella che lei descrive ma sono situazioni che presso il nostro Centro abbiamo già trattato e anche con buoni risultati.

    Essendo la sclerosi sistemica una malattia reumatologica, il trattamento con Bosentan e risulta fondamentale così come Iloprost per la vasodilatazione, visto che le complicanze della sclerodermia sono quelle della sofferenza dei capillari con conseguente formazione di ulcerine a livello apicale delle dita.

    Presso il Centro iperbarico di Ravenna abbiamo un percorso anche per questo tipo di problema che prevede una valutazione iniziale in cui si esaminano i diversi parametri utili quali pressione, glicemia, emoglobina e si eseguono degli esami non invasivi per indagare la microcircolazione, l’ossigenazione dei tessuti e la neuropatia periferica.

    Questi dati possono essere responsabili dell’ insorgenza delle ulcere e ci possono anche aiutare a stabilire la predittività di successo del trattamento iperbarico.
    Gli esami comprendono:
    - L’ossimetria transutanea: con un elettrodo posizionato in questo caso nella mano più sofferente, riusciamo a misurare quanto ossigeno arriva in transcute per vedere se vi è un sufficiente apporto sanguigno utile per la guarigione
    - Laserdopplerflussimetria: Toe Brachial Index (TBI) utile nel caso di sospetto di deficit ischemico, valore soglia >0,20)
    - Iperemia Reattiva Post Occlusiva (IRPO): test ischemia perfusione, quindi se c’è del deficit di sintesi endoteliale di monossido di azoto (il principio della terapia con ossigeno iperbarico)
    - Test di riscaldamento e variazione posturale se è alterato rispetto alla norma, indice di compromissione neuropatica (nel riscaldamento il valore aumenta di almeno 50 unità per vasodilatazione e nella variazione posturale diminuisce di 50 unità per vasocostrizione rispetto al valore basale). Il test in questo caso specifico è stato applicato ed eseguito al dito della mano peggiore rispetto agli altri.

    I valori raccolti ci aiutano a decidere il percorso che, oltre alla terapia iperbarica, comprende anche:
    - la somministrazione graduale di un farmaco vasodilatatore sotto stretto controllo giornaliero della pressione (per tutta la durata delle sedute iperbariche)
    - medicazioni quotidiane
    - Terapia FREMS (Frequency Rhytmic Electrical Modulation System) con schema terapeutico apposito per la sclerodermia associato a un programma di “Attivazione intensiva del microcircolo” della durata di 35 minuti di stimolazione elettrica ritmica.

    terapia FREMS

    Per qualsiasi chiarimento o per prenotare una prima visita rimaniamo a sua disposizione. Può contattare la segreteria del Centro Iperbarico per al numero 0544/500152 oppure alla mail [email protected].

    Un caro saluto,
    Klarida Hoxha

Rispondi

  • (will not be published)