1307
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

12 dic 2014

Buongiorno,
mi sono procurata la  frattura del malleolo peroneale sinistro camminando in montagna il 12/08.

Il 18/08 sono stata operata e mi è stata inserita una placca con sei viti. Ho fatto 30 giorni con il gambaletto, 30 giorni con carico al 20% e poi carico progressivo.

Ho cominciato con la rieducazione prima dello scadere dei secondi 30 giorni, ho sempre avuto buona mobilità dell’articolazione ma ancora adesso, a distanza di 80 giorni dall’operazione, ho la caviglia molto gonfia e dolorante, non solo quando carico ma anche al tatto, e il tutto è accentuato la sera.

Gradirei avere il vostro parere e cosa devo fare per migliorare. Grazie per la cortese attenzione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UnoRisposta a “Frattura al malleolo peroneale: ho ancora dolore dopo 80 giorni dall’operazione”

  1. Paola Mengozzi on

    Cara Donata,
    la ringrazio di essersi rivolta a noi per risolvere il suo problema e spero di esserle d’aiuto.
    Prima di tutto le consiglio di verificare se anche la mattina la caviglia sinistra è gonfia e dolente, in particolare le suggerisco di individuare il punto in cui le fa male.

    Se sente dolore quando tocca sotto il malleolo laterale e sul collo del piede, anteriormente, si potrebbe pensare ad una sofferenza dei legamenti astragaloperoneali e tibioperoneali subita nel momento della frattura. Per valutare questa possibilità potrebbe sottoporsi a un’ecografia oppure una Risonanza Magnetica.
    Se invece entrambe le caviglie appaiono gonfie, si potrebbe ipotizzare un problema di circolazione.

    Nel caso in cui sia gonfia e dolente la sera soltanto la caviglia operata, la situazione è nella norma e può essere causata dal fatto che durante il giorno passa molto tempo in piedi oppure quando sta seduta tiene l’arto inferiore sinistro declive. In questo caso le consiglio di tenere la gamba sinistra in scarico appoggiandola sopra a dei cuscini e, anche quando è seduta, dopo un po’ di tempo, è consigliabile mettere l’arto in scarico. Inoltre, a mio parere, potrebbero esserle molto utili massaggi drenanti (linfodrenaggio) per migliorare la stasi linfatica.

    Se abita dalle parti di Ravenna potrebbe chiamare la segreteria del Centro Iperbarico e prendere un appuntamento con il nostro fisiatra, il Dott. Fontana, per vedere come si può intervenire.

    Cordiali saluti,
    Paola Mengozzi

Rispondi

  • (will not be published)