1307
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

21 ott 2015

Buon pomeriggio allo staff

Il 6 giugno 2015 ho fatto un intervento odontoiatrico. Mi hanno inserito la vite dell’impianto per un dente. Dopo aver estratto la radice circa 3 mesi prima, il dentista mi ha detto che si era ben riformato l’osso e che quindi non aveva avuto problemi nell’inserire l’impianto e cucire la gengiva. Il dente verrà messo a gennaio previa radiografia per vedere se la vite si è fusa bene con l’osso.
Premesso ciò, circa 20 gg fà ho fatto un’immersione a 10 metri e sabato scorso una a 30 senza nessun problema.
Stamattina avrei dovuto scendere di nuovo a 30, ma a circa 10 metri ho avvertito un dolore atroce all’impianto. Sono risalito di qualche metro ed ho provato a scendere molto più lentamente. Niente da fare. Dolore lancinante. Ho dovuto rinunciare all’immersione.
Circa un’ora dopo, mentre un altro gruppo faceva una piccola immersione a 10 metri, io ho provato a scendere in apnea, ma non riuscivo neanche a superare i 3 metri.

Cosa può essere successo?
Magari l’immersione a 30 metri di una settimana fà ha smosso qualcosa?

Grazie in anticipo per la risposta

Massimo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UnoRisposta a “Impianto dentale: quanto devo aspettare prima di potermi immergere?”

  1. Luigi Santarella on

    Buongiorno caro Massimo,
    grazie per l’attenzione e la stima.

    Il DAN afferma che è necessario non immergersi per almeno 24 ore dopo una cura dentale eseguita in anestesia e non immergersi per almeno una-due settimane dopo un intervento di chirurgia odontoiatrica.

    Per quanto riferisci sembrerebbe che tu ti sia immerso almeno dopo 3 mesi dall’impianto, quindi un tempo più che congruo con la convalescenza indicata dalla letteratura per questi interventi.
    Rimane la possibilità però che l’impianto non si sia perfettamente saldato o si sia formata una raccolta di aria sottostante, la compressione o l’espansione del gas durante l’immersione potrebbe aver provocato il dolore che può essere avvertito sia in discesa che durante la risalita.

    Il mio consiglio quindi è di rivolgerti all’odontoiatra che ti ha in cura che, avendo eseguito l’intervento, è in grado di valutare le possibili complicanze e le cure del caso.

    Se hai bisogno di ulteriori informazioni contatta pure la segreteria del Centro Iperbarico Ravenna 0544- 500152, [email protected].

    Un caro saluto,
    Dott. Luigi Santarella

    Laurea in Medicina e Chirurgia all’Università Alma Mater Studiorum di Bologna, n. ordine dei Medici Chirurghi di Ravenna: 3151

Rispondi

  • (will not be published)