1330
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

30 ott 2015

Buona sera

Mi è stata prescritta l’ossigeno terapia iperbarica per uno scarso consolidamento osseo in una frattura della tibia sx operata con l’inserimento di placca e viti a Giugno 2015 .
A Luglio poi sono stato operato per recidiva di meningiona clinoideo dx e tutt’ora in attesa di prossimo intervento di Gamma Knife programmato per la fine dell’anno.

Con la presente sono a chiedervi se esistono controindicazioni all’uso di questa terapia o se invece posso tranquillamente effettuare sedute di ossigeno terapia

A disposizione per eventuali chiarimenti e sicuro di un vostro riscontro porgo cordiali saluti

Alessandro 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UnoRisposta a “Ritardo nel consolidamento osseo: ci sono controindicazioni all’ossigeno terapia iperbarica?”

  1. Andrea Galvani on

    Buongiorno sig. Alessandro,

    grazie per averci scritto.

    Purtroppo le informazioni che ci ha gentilmente inviato sono un po’ troppo generali e risulta molto difficile rispondere ai suoi dubbi con precisione.
    In un caso di questo genere devono essere valutati diversi fattori: a partire ad esempio dalle dimensioni del meningioma, dalla storia clinica ecc…
    Per questo motivo è particolarmente importante che si sottoponga ad un’accurata prima visita durante la quale potremmo fare un’attenta analisi della sua documentazione clinica.

    La visita medica sarebbe molto utile anche per inquadrare meglio il problema del ritardo di consolidamento della frattura tibiale (pseudoartrosi).

    Quando è indicata, l’ossigenoterapia-iperbarica risulta utile nei ritardi di consolidamento osseo perché riduce l’infiammazione, innesca la sintesi del monossido di azoto (e quindi la neoangiogenesi: la formazione di nuovi vasi sanguigni, in questo caso, nell’osso) e “stimola” la guarigione ossea.

    Il percorso attivo presso il nostro centro è un percorso integrato e mutidisciplinare: l’OTI deve essere vista infatti come un “facilitatore” pertanto è importantissimo che il paziente oltre a sottoporsi alle sedute in camera iperbarica, sia seguito anche da altre figure (fisiatra, fisioterapista..) che, coordinante, possano pensare al percorso più idoneo al suo caso.

    Se vuole avere informazione più precise, può contattarci allo 0544-500152 o inviare la documentazione a [email protected].

    Facendole un grande in bocca al lupo perché il suo problema possa risolversi velocemente, le mando un caro saluto!

    Dott. Andrea Galvani
    Laurea in Medicina e Chirurgia all’Università Alma Mater Studiorum di Bologna, n. ordine dei Medici Chirurghi di Bologna: 16646

Rispondi

  • (will not be published)