1328
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

26 gen 2016

Salve,

ho 22 anni, in primavera mi è stata diagnosticata la necrosi a testa e collo del femore.

Ho fatto 30 sedute di iperbarica, magneto terapia, cicli di punture di acido clodronico e riposo totale per più di tre mesI.

A metà agosto ho finalmente tolto le stampelle, ma ora mi fa male come prima.

Davvero si può guarire senza intervento?

Gaia

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UnoRisposta a “Necrosi al femore: davvero si può guarire senza intervento?”

  1. Claudia Rastelli on

    Gentile Gaia,
    grazie per averci scritto, sono dispiaciuta che nonostante la tua giovane età tu debba confrontarti già con questi problemi.

    Nella nostra casistica abbiamo un alta percentuale di guarigione dell’osteonecrosi della testa del femore, ma questa dipende dal grado della lesione.

    Infatti la necrosi asettica della testa del femore si classifica secondo criteri precisi e che prendono in considerazione l’estensione dell’edema dell’osso e il grado di deformazione dello stesso (Classificazione di FICAT e di STEIMBERG).
    Per capire il perché della ricomparsa del tuo dolore sarebbe interessante poter vedere la tua risonanza magnetica e l’RX della tua anca, classificare la tua lesione e capire se ci sia o meno deformazione ossea o lesione cartilaginee che giustifichino il tuo quadro clinico.

    Presso il centro Iperbarico di Ravenna dopo il primo ciclo di terapia Iperbarica caratterizzato da 30 sedute OTI a 2,5/2,2 ATA con cambio batimetrico a metà ciclo consigliamo di effettuare una RMN a due mesi di distanza dal termine delle sedute per vedere se la terapia è stata efficace.
    In caso ci sia ancora edema dell’osso consigliamo sedute di richiamo aggiuntive per un totale di ulteriori due cicli da 15 sedute a 2,2 ATA.

    Visto la tua giovane età mi sentirei di consigliarti di effettuare la RMN di controllo ed eventuali cicli di richiamo e di effettuare l’intervento solo in caso di mancata guarigione e di deformazione ossea qualora la tua qualità di vita sia molto compromessa.

    Per ulteriori informazioni non esitare a contattarci allo 0544.500152 o a [email protected]

    Cordiali saluti

    Dott.ssa Claudia Rastelli
    Laurea in Medicina e Chirurgia all’Università di Ferrara
    Ordine dei Medici Chirurghi di Rimini n. 2074

Rispondi

  • (will not be published)