1330
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

04 feb 2016

Salve,

da 10 anni soffro di un problema all’orecchio sinistro, man mano con gli anni ho iniziato a perdere l’udito e dopo qualche anno sento dei battiti cardiaci nell’orecchio e pressione.

Ultimamente mi sono presi degli attacchi vertiginosi con cadute improvvise costretto a stare a letto per diverse ore.
Sono in cura da un otorino ma il problema non è del tutto risolto: vertigini memo forti ma presenti, pressione nell’orecchio perdita di udito con battito cardiaco presente tutti i giorni, e da qualche giorno ho un fischio fisso anche nell’orecchio destro.

Fatemi sapere perchè non vivo piu’ e non esco di casa per paura di cadere. Grazie

PS: Ho fatto sia risonanza magnetica con esito negativo, analisi del sangue tutto nella norma, horter pressorio e horter cuore tutto normale.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UnoRisposta a “Ipoacusia o sindrome di Meniere? Fabio è preoccupato”

  1. Andrea Galvani on

    Buongiorno Sig. Fabio,
    grazie per averci scritto.
    Capisco bene la sua apprensione: la serie di sintomi che caratterizzano la sindrome di Meniere soprattutto nelle fasi di riacutizzazione può essere spesso così importante.

    L’ossigenoterapia-iperbarica (OTI) per questa sindrome, viene prescritta –previa visita medica e controllo della documentazione disponibile- non con intento curativo del problema, bensì con lo scopo di ridurre sia la frequenza, che l’intensità delle ricadute.

    Il percorso quindi in linea generale è così strutturato:
    Pressione: 2.5 Bar costante con respirazione di ossigeno per almeno 80 minuti;
    Durata: 5 sedute su sette giorni per tre settimane: totale di 15 sedute.

    Al termine del ciclo c’è una sosta di 30 giorni con controllo ORL (audiometria e prove vestibolari).
    Gli eventuali richiami saranno programmati poi ogni 30 giorni e per almeno i primi tre mesi di osservazione saranno composti da cinque sedute consecutive; dopo i tre cicli di richiamo invece saranno da effettuare cinque sedute consecutive ogni tre mesi.

    Sarà necessario proseguire con i controlli ORL per tenere sotto controllo l’evoluzione della situazione e svolgere le opportune valutazioni.

    Spero di averle dato qualche informazione utile, se vuole inviare documentazione clinica o avere ulteriori informazioni non esiti a contattarci allo 0544-500152 oppure ci scriva a [email protected]

    Un caro saluto,
    Dott. Andrea Galvani
    Laurea in Medicina e Chirurgia all’Università Alma Mater Studiorum di Bologna, n. ordine dei Medici Chirurghi di Bologna: 16646

Rispondi

  • (will not be published)