1327
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

12 feb 2016

Egregio Dott. Longobardi,

mia figlia Sofia Serena dopo una caduta con frattura della caviglia è stata operata a Bologna e ha in seguito fatto tutte le terapie possibili.
Purtroppo sembra che le cose siano peggiorate. Ci hanno consigliato un ulteriore intervento endoscopico.

Referto della risonanza magnetica:
Indagine effettuata secondo piani assiali e sagittali, con sequenze FSE,SE,T1-T2, GE-STIR,XBONE,SHARC.

Non sono apprezzabili segni di lesioni attuali dei tendini e delle relative guaine.

Non sono documentabili lesioni attuali dell’apparato capsilo-legamentoso del comparto interno ed esterno.

Si rileva la presenza di grave condropatia a livello della articolazione tibio-astragalica, sia sul versante tibiale che del versante astragalico, con lesioni osteocondrosiche di 2 e 3 grado a livello sia del versante tibiale che del versante astragalico con risentimento sub-condrale.

Fenomeni di condropatia interessano anche l’articolazione astralago-scafoidea, astragalo-calcanea e calcaneo-cuboidea. Esiti di frattura dell’astragalo con tracce di materiale ferromagnetico post-intervento

Moderato versamento endoarticolare.

Mi hanno parlato di necrosi e sono veramente preoccupata.  Mia figlia sarà in Italia per la prima settimana di febbraio insieme al padre.

Aspetto con ansia una vostra risposta.

Mille grazie e cordiali saluti

Lorella

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UnoRisposta a “Diagnosi di condropatia, cosa fare?”

  1. Claudia Rastelli on

    Gentile Signora Lorella,
    mi dispiace per i problemi che sta attraversando sua figlia.

    Lei mi scrive che qualcuno le ha parlato di Osteonecrosi, ma il referto della RMN, con la quale normalmente si fa diagnosi di tale patologia, non segnala nessuna alterazione strutturale che ne dimostri la presenza.

    Si parla invece di importanti alterazione della cartilagine che potrebbero giustificare il continua dolore e l’impotenza funzionale che sua figlia prova.
    L’Ossigenoterapia Iperbarica non è indicata nelle condropatie.

    Per tali patologie presso il Centro Iperbarico di Ravenna consigliamo una visita con il nostro Fisiatra per lo studio della postura e per un programma riabilitativo personalizzato.

    Si Possono inoltre eseguire presso in nostro centro anche terapia riabilitative fisioterapiche e Osteoterapiche con i nostri bravissimi operatori.

    Per qualsiasi informazione la invito a contattarci allo 0544500152.

    Cordiali saluti
    Dott.ssa Claudia Rastelli

    Laurea in Medicina e Chirurgia all’Università di Ferrara
    Ordine dei Medici Chirurghi di Rimini n. 2074

Rispondi

  • (will not be published)