Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Racconta i progressi del tuo bambino

CONDIVIDI

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

15 feb 2016

Buonasera.  
Provo ad illustrare in breve il mio problema.
Fino al 3 settembre 2015 ho lavorato senza alcun problema (faccio il cameriere). La mattina successiva, provo ad alzarmi dal letto, ma un dolore lancinante mi impediva di alzarmi.  
Da li inizio a prendere una serie di antidolorifici ed antinfiammatori pensando che fosse qualcosa di temporaneo dovuto allo sforzo fisico.

Passano i giorni ma la situazione peggiora, al punto che per un mese e mezzo non sono più riuscito ad alzarmi dal letto. Da una prima risonanza magnetica un neurochirurgo che mi ha visitato mi dice che si tratta di una spondilodiscite e mi fa ricoverare, e in data 27/10/2015 subisco un intervento di microdiscectomia L5/S1 con approccio da sinistra, ed effettuano un prelievo di tessuto discale per esame istologico e colturale. Ed inizio una cura antibiotica massiccia (Merrem 1gr x 3 volte al dì; Targosid 200mg x 2 volte al dì; Clexane 4000 1fl al dì).  

Dopo qualche giorno arrivano i risultati del prelievo di tessuto: Candida Albicans. Allora mi consigliano di rivolgermi ad un infettivologo, che dopo una prima visita mi assegna la seguente terapia: Ceftazidime 1fl intramuscolo x 3 volte al dì per 10 gg; dopo i 10 gg, Avalox 400mg 1 compressa x 1 volta al dì per altri 10 giorni; parallelamente all’inizio del Ceftazidime, Levoxacin 500mg 1 compressa x 2 volte al dì per 18 giorni e Diflucan 100mg 4 compresse x 1 volta al dì.           

Ho completato la suddetta cura il 15/12/2015, e sembrava che le cose andassero un pò meglio.
Ma oltre ad avere una ricaduta fisica, la risonanza magnetica del 07/01/2016 ha mostrato che la cura non ha sortito alcun effetto, ma che anzi l’infezione è progredita.  

Come posso risolvere il problema in modo definitivo, visto che l’uso massiccio di farmaci sia antibiotici che antimicotici non hanno avuto alcun effetto? 

Grazie mille per le delucidazioni che vorrete darmi.

Giuseppe

 

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UnoRisposta a “Spondilodiscite da Candida Albicans, Giuseppe cerca aiuto”

  1. Andrea Galvani on

    Buongiorno Sig. Giuseppe,
    grazie per averci scritto.

    La spondilodiscite è un processo infettivo a carico del tessuto osseo vertebrale e del disco intersomatico.
    Stando a quello che lei gentilmente ci comunica, l’agente responsabile di tale infezione nel suo caso è un fungo: candida albicans.
    Casi del genere necessitano di un’attenta prima visita e di un accurata analisi di tutta la documentazione disponibile (RMN, esami ematochimici con indici di flogosi, consulenze) per poter esprimere un giudizio quanto più corretto possibile.

    Il linea solamente generale quindi, la informo nel trattamento di tale problema il ciclo di OTI dev’essere inserito all’interno di un percorso multispecialistico che si componga anche di specialista infettivologo e neurochirurgo.

    Il ciclo di terapia che viene generalmente prescritto per i pazienti affetti da spondilodiscite si compone di 30 sedute OTI a 2,5 Bar di pressione, con durata di 90 minuti e frequenza quotidiana per cinque giorni a settimana.

    Se vuole può inoltrarci la sua documentazione all’indirizzo: [email protected] o contattarci attraverso la segreteria del Centro Iperbarico, al numero 0544- 500152
    Rimango a disposizione per qualsiasi altro dubbio o chiarimento.

    Un caro saluto,
    Dott. Andrea Galvani
    Laurea in Medicina e Chirurgia all’Università Alma Mater Studiorum di Bologna, n. ordine dei Medici Chirurghi di Bologna: 16646

Rispondi

  • (will not be published)