1310
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

23 mag 2016

Egregio dottore,

a causa di edema della spongiosa ossea all’anca destra, ho terminato lo scorso 4 aprile un ciclo di 4 flebo di neridronato.

Attualmente sto effettuando magnetoterapia per circa  8 ore al giorno.

Mi chiedo se, per accelerare/migliorare il processo di guarigione, possa essere abbinata la terapia iperbarica (in sostituzione della magnetoterapia).

In attesa di un suo gentile riscontro, la ringrazio anticipatamente.

 

Paolo

 

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UnoRisposta a “Edema della spongiosa, dopo il neridronato può essere utile l’Ossigeno Terapia Iperbarica?”

  1. Andrea Galvani on

    Buongiorno Paolo,
    l’Ossigeno Terapia Iperbarica, come riportato nelle linee guidi 2015 SIMSI (società italiana di medicina subacquea e iperbarica ), è indicata solo per i pazienti con diagnosi certa di osteonecrosi asettica di grado lieve/moderato.

    Per fare questa valutazione nel caso in cui sia coinvolta la testa del femore si usa il “grado di Steimberg”, rilevabile attraverso una risonanza magnetica, mentre per gli altri distretti ossei si osserva tramite Imaging che vi sia ancora integrità del profilo osseo/articolare.

    Il percorso attivo al nostro Centro prevede 30/40 sedute della durata di 90 minuti a 2.5 / 2.2 bar di pressione con frequenza quotidiana per cinque giorni a settimana.
    La consulenza fisiatrica inclusa nel percorso osteonecrosi serve per tenere sotto controllo e valutare tutti gli importanti aspetti riabilitativi.

    Non prima di 60 giorni dal termine del ciclo di Ossigeno Terapia in camera iperbarica, è consigliato procedere con una risonanza magnetica di controllo.

    Per qualsiasi altro dubbio o necessità non esiti a contattarci , il numero della nostra segreteria è 0544-500152 o può scrivere a [email protected].

    Le faccio un grande in bocca al lupo!

    Dott. Andrea Galvani
    Laurea in Medicina e Chirurgia all’Università Alma Mater Studiorum di Bologna, n. ordine dei Medici Chirurghi di Rimini: 02337

Rispondi

  • (will not be published)