1307
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

26 lug 2016

Buongiorno a voi,

in seguito a una malattia e a degli incidenti la situazione delle mie gambe dal ginocchio in giù è decisamente poco gradevole dal punto estetico, ma soprattutto sono molto fragili.

In questi giorni a causa di un graffio ho contratto una malattia del gatto che ha riproposto gonfiore, versamenti edemi e rigonfiamento dei linfonodi.
Una mia amica che ha sentito di voi mi ha informato e stimolato a scrivervi.

Desidererei sapere se l’ossigenoterapia può aiutarmi.
Io sono veneta ma lo specialista che mi segue è di Parma; vuoi vedere che un altro aiuto lo trovo a Ravenna!

Grazie e cordiali saluti

Flavia

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UnoRisposta a “Malattia del connettivo e vari problemi alle gambe: Flavia chiede aiuto”

  1. Claudia Rastelli on

    Gentile signora Flavia,
    mi dispiace per ciò che sta vivendo.
    Dalla sua lettera riesco a capire che, su una gamba che ha già avuto in precedenza dei problemi, è recentemente insorta una nuova infezione causata da un graffio di gatto.
    Questa malattia è una infezione cutanea e linfonodale dovuta ad inoculazione di un bacillo gram positivo chiamato Bartonella hensela. La Malattia da Graffio di Gatto è caratterizzata principalmente da una lesione papulosa-vescicolosa nel punto di inoculazione e da un adenopatia di un singolo linfonodo regionale che appare aumentato di volume e dolente.
    Si associa poi una sintomatologia generale come febbricola, malessere, cefalea, anoressia, mal di gola ed artralgie.
    La patologia in genere si risolve spontaneamente in qualche mese e sono utilizzati solo farmaci sintomatici per ridurre la febbre e i dolori (analgesici) e antibiotici per le forme più estese.
    Alle volte è necessario ricorrere alla pulizia chirurgica del linfonodo colliquato che rischia di fistolizzare, se è presente cellulite, se la linfoadenopatia causa sintomi dolorosi o compressivi su strutture venose maggiori.
    In questo quadro l’ossigenoterapia iperbarica poterebbe essere d’aiuto per controllare l’infezione del tessuti molli nel caso in cui non risponda in maniera positiva alle terapie che già sta seguendo.
    Se desidera maggiori informazioni o vuole prenotare una prima visita può chiamare la nostra segreteria al numero 0544.500152.

    Cordiali saluti

    Dott.ssa Claudia Rastelli

    Laurea in Medicina e Chirurgia all’Università di Ferrara
    Ordine dei Medici Chirurghi di Rimini n. 2074

Rispondi

  • (will not be published)