1327
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

19 set 2016

Salve,
mi chiamo Salvo sono di Palermo ho 30 anni e sono un meccanico moto, per cui sono a contatto con attrezzature vibranti
A causa di una frattura subita al semilunare del polso destro a gennaio 2015, dopo circa un anno mi è stato diagnosticato il morbo di kienböck. 
Il 30 giugno di quest’anno ho subito un intervento di forages. 
Premetto che ho già perso circa il 30% in flesso/estenzione. A oggi, dopo aver effettuato i raggi di controllo dopo l’intervento, risulta un addensamento dell’osso semilunare.
L’ossigenoterapia iperbarica potrebbe aiutarmi prima di dover ricorrere a un secondo intervento?

Grazie
Cordiali saluti
Salvatore

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UnoRisposta a “Morbo di Kienböck, il meccanico Salvatore chiede aiuto”

  1. Claudia Rastelli on

    Gentile signor Salvatore,
    mi dispiace che debba affrontare questo problema.

    Purtroppo la causa alla base della sua patologia potrebbe essere il traumatismo cronico dato dalla vibrazione.
    Le consiglio di effettuare una risonanza magnetica del polso per studiare bene la lesione.
    L’ossigenoterapia iperbarica potrebbe essere molto utile nel caso ci fosse dell’edema residuo dell’osso poiché aiuta il suo riassorbimento, serve a favorire la deposizione di nuovo osso e a stimolare la neoangiogenesi. Sarà quindi in grado di far regredire la lesione ed eviterà un nuovo intervento sull’osso.

    Le consiglio di seguire in abbinamento anche un ciclo di fisioterapia che le permetterà di recuperare il più possibile la mobilità articolare vista la sua giovane età e il lavoro che fa.

    Per qualsiasi ulteriore chiarimento la invito a scriverci a [email protected] o a chiamare allo 0544.500152

    Cordiali saluti

    Dott.ssa Claudia Rastelli
    Laurea in Medicina e Chirurgia all’Università di Ferrara
    Ordine dei Medici Chirurghi di Rimini n. 2074

Rispondi

  • (will not be published)