1334
articoli
pubblicati

Scrivi al Dr. Longobardi e al suo staff

INVIA LA TUA RICHIESTA

Segui i webinair con il Dr. Longobardi

PARTECIPA AI WEBINAR

Prenota una visita al Centro Iperbarico

CHIEDI UN APPUNTAMENTO

27 apr 2017

Buonasera,
Ho conosciuto il vostro Centro attraverso il Web e vi scrivo per un consulto ed eventuale visita da voi per mia mamma.

Lei ha subito, circa 2 anni fa, un intervento ricostruttivo al piede (astragalo) dovuto ad artrosi, post intervento si è formata un’ulcera venosa sul piede. Dopo molte cure e aver incontrato diversi medici, la scorsa settimana un nuovo medico vascolare ha riscontrato che tutte le precedenti cure sono state errate e dannose tanto da provocare un inizio di necrosi. Da 10 giorni mia mamma sta seguendo la sua nuova cura, a oggi nessun miglioramento e piange dal dolore a giorni alterni. Mia madre non ha nemmeno 60 anni!

Posso chiedere il vostro aiuto?

Vi ringrazio anticipatamente e vi porgo i miei Cordiali Saluti.

Serena.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

UnoRisposta a “Possibile cura per un’ulcera venosa al piede indotta da operazione all’astragalo”

  1. Klarida Hoxha on

    Gentile Serena,
    grazie per averci contattato.
    Mi dispiace per la situazione della mamma e per le sofferenze che sta passando.
    È da chiarire il motivo reale dell’insorgenza di questa lesione in quanto un ulcera venosa insorge perché c’è di base l’insufficienza venosa.
    Inoltre la lesione è insorta dopo l’intervento e ora c’è presenza di necrosi.
    Non sembra che l’origine sia dovuta alla problematica venosa: non c’è necrosi in questo tipo di lesione, al massimo insorgono con piccole croste dovute a rottura dei capillari per la grande pressione di sangue conseguente alla stasi.
    È comunque consigliabile un ecocolordoppler artero-venoso per chiarire la situazione circolatoria ed escludere altri tipi di problematiche dovute alla circolazione arteriosa.
    Solitamente le lesioni arteriose insorgono con formazione di necrosi, che è il tessuto sofferente dalla mancanza di ossigenazione dovuta al restringimento od occlusione delle arterie.
    Però se è insorta dopo l’intervento potrebbe anche trattarsi di un episodio infettivo. Il dolore accomuna entrambe le situazioni che le ho descritto in breve.
    È quindi fondamentale fare un’attenta valutazione globale di tutte queste problematiche e nella prima visita nel nostro Centro possiamo aiutarla a capire meglio quale sia il problema e trovare il percorso giusto per arrivare a una soluzione definitiva.
    Può accedere al nostro Centro attraverso il Sistema Sanitario Nazionale con una semplice impegnativa del suo medico di medicina generale. Contatti pure la segreteria al numero 0544/500152 per fissare un appuntamento, saremo lieti di poterla aiutare.

    Cordiali saluti,
    Klarida Hoxha
    Coordinatrice infermieristica Centro Cura Ferite Difficile del Centro Iperbarico di Ravenna

Rispondi

  • (will not be published)